Economia

Aiuti economici per disoccupati, ecco come ottenerli!

La legge prevede numerosi aiuti economici per disoccupati e a chi ha perso involontariamente l’occupazione: i sussidi si differenziano in base alla categoria a cui appartiene il lavoratore.

Che tipo di aiuti economici per disoccupati si possono richiedere?

  • La Naspi, ad esempio, è l’indennità di disoccupazione che spetta alla generalità dei dipendenti, ad esclusione dei dipendenti pubblici a tempo indeterminato e di particolari categorie I lavoratori;
  • La Dis-coll, invece, spetta ai lavoratori parasubordinati, mentre la disoccupazione agricola spetta agli operai a tempo determinato ed indeterminato delle aziende che operano nel settore dell’agricoltura;
  • C’è poi l’assegno di ricollocazione, che non è un beneficio economico erogato direttamente al disoccupato, ma consiste in un voucher spendibile presso i servizi per l’impiego: la somma è riconosciuta all’ente che si occupa di trovare un nuovo lavoro al destinatario dell’assegno;
  • Infine, l’ultimo tra gli aiuti economici per disoccupati previsto per tutti , a prescindere dal settore di appartenenza, è il reddito di cittadinanza: questo beneficio economico è riconosciuto sulla base di specifici requisiti da verificare in rapporto all’intero nucleo familiare a cui appartiene il disoccupato.

Ma spieghiamo ora nel dettaglio in che cosa consistono questi aiuti:

LA NASPI:

aiuti economici per disoccupati
aiuti economici per disoccupati

Consiste in un’indennità di disoccupazione erogata alla generalità dei lavoratori dipendenti.

Perché il beneficio sia riconosciuto è necessario che il disoccupato, oltre a essere in possesso dello stato di disoccupazione, abbia alle spalle almeno 13 settimane di contributi negli ultimi quattro anni (ad esclusione delle settimane che hanno già dato luogo a un’altra prestazione per disoccupazione) ed abbia lavorato per almeno 30 giornate effettive nell’anno.

La Naspi ha una durata pari alla metà delle settimane contribuite utili negli ultimi quattro anni, fino a un massimo di 24 mesi.

Da leggere:  Bonus cashback 300 euro per tutti: ecco come ottenerli!

L’importo della Naspi è pari al 75% del reddito medio degli ultimi quattro anni, ma solo sino a un determinato tetto, rivalutato annualmente. In ogni caso, non si può mai superare la soglia massima pari a 1.335,40 euro mensili (valore 2020).

La Naspi diminuisce del 3% ogni mese, a partire dal quarto mese di fruizione. L’indennità si perde se il disoccupato rifiuta un’offerta di lavoro congrua o se non si presenta, per un determinato numero di volte, agli incontri ed alle convocazioni presso il centro per l’impiego, o, ancora, se non partecipa alle attività previste per lui.

LA DIS-COLL:

Ai lavoratori parasubordinati non spetta la Naspi, ma spetta comunque un’indennità di disoccupazione, qualora l’interessato possieda almeno un mese di contribuzione accreditato presso la gestione separata Inps, a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente la cessazione del rapporto, sino alla data di cessazione stessa.

L’indennità spetta solo se l’interessato è iscritto in via esclusiva alla gestione Separata e non ha una partita Iva aperta.

L’ammontare dell’indennità è pari al 75% del reddito medio imponibile, sino a determinati tetti massimi.

La Dis-coll ha una durata pari alla metà dei mesi di contribuzione presenti nel periodo compreso tra il 1° gennaio dell’anno solare precedente la fine del rapporto di collaborazione e il termine del rapporto stesso, sino a un massimo di 6 mesi.

Anche la Dis-coll si perde per la mancata partecipazione alle iniziative di politica attiva del lavoro e per il rifiuto di un’offerta di lavoro congrua.

Disoccupazione agricola:

Agli operai assunti dalle aziende del settore agricolo, sia a tempo determinato che indeterminato, spetta una particolare indennità, la disoccupazione agricola, che può essere riconosciuta in forma ordinaria o speciale.

Da leggere:  Carta reddito di cittadinanza: ecco gli importi, le scadenze e obblighi

Gli operai a tempo indeterminato possono fruire del trattamento di disoccupazione ordinaria in presenza dei seguenti requisiti:

  • Anzianità assicurativa di almeno 2 anni come dipendenti del settore agricolo (compreso quello per cui è richiesta l’indennità);
  • Accreditamento nell’anno per cui è richiesta l’indennità e nell’anno precedente di almeno 102 contributi giornalieri.

L’indennità di disoccupazione per operai a tempo indeterminato ammonta al 30% della retribuzione effettiva, non comprensiva della voce denominata “quota di Tfr”.

La durata ammonta a un numero di giornate pari a quelle lavorate, nei limiti dell’annualità.

Gli operai a tempo determinato possono richiedere la disoccupazione agricola se possiedono i seguenti requisiti:

  • disoccupazione agricola ordinaria: accreditamento nell’anno per cui è richiesta l’indennità e nell’anno precedente di almeno 102 contributi giornalieri;
  • disoccupazione agricola speciale:
    almeno 101 giornate di lavoro nell’anno cui si riferisce l’indennità;
    almeno 151 giornate di lavoro nell’anno cui si riferisce l’indennità.

La disoccupazione agricola per gli operai a tempo determinato è pari al 40% della retribuzione del lavoratore assoggettata a contributi, moltiplicata per il numero di giornate lavorate, al netto del contributo di solidarietà del 9%, per ogni giornata indennizzata e nel limite massimo di 150 giorni.

La durata dell’indennità ammonta al numero di giornate di iscrizione negli elenchi. Per approfondire: Indennità di disoccupazione agricola.

Assegno di ricollocazione:

aiuti economici per disoccupati
aiuti economici per disoccupati

L’assegno di ricollocazione è un aiuto indiretto a favore del disoccupato. Più precisamente, questo beneficio economico consiste in un voucher che non viene accreditato al lavoratore, ma ai servizi per l’impiego (comprese le agenzie per il lavoro private ed i consulenti del lavoro aderenti alla Fondazione Lavoro).

Il voucher remunera l’ente nell’ipotesi in cui trovi un nuovo impiego all’interessato.

Il valore massimo dell’assegno di ricollocazione è pari a 5000 euro: l’ammontare dipende sia dalla durata del nuovo contratto di lavoro, che dal profilo di occupazione del beneficiario.

Da leggere:  Pagamento rem terza rata: I dettagli

In buona sostanza, più è difficile trovare un nuovo impiego all’interessato, più elevato risulta l’importo dell’assegno. Inoltre, l’importo può variare in base alla residenza del disoccupato, con diritto a un maggiore beneficio qualora risieda nelle regioni meno sviluppate (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia).

Non tutti i disoccupati possono beneficiare dell’assegno di ricollocazione, ma soltanto i beneficiari di reddito di cittadinanza ed i lavoratori in cassa integrazione straordinaria per i quali l’azienda abbia stipulato particolari accordi sindacali.

Reddito di cittadinanza:

Il reddito di cittadinanza è un sussidio rivolto non solo ai disoccupati, ma a tutte le famiglie in condizioni di bisogno economico.

Per aver diritto a questo sussidio, della durata di 18 mesi e rinnovabile, è infatti necessario che la famiglia, considerando tutti i membri del nucleo, non superi determinati limiti di reddito e non superi specifiche soglie relative al patrimonio, sia mobiliare che immobiliare.

Inoltre, è necessario soddisfare particolari requisiti personali (relativi alla residenza, all’assenza di dimissioni presentate nell’anno precedente la domanda, alla non commissione di determinati reati, al ricovero in istituti a carico dello Stato).

L’importo del reddito di cittadinanza varia a seconda della composizione del nucleo familiare. La quota base, riferita una sola persona, è pari a 500 euro al mese.

Può essere poi riconosciuta una quota aggiuntiva sino massimo di 280 euro se si paga l’affitto, oppure di 150 euro se si paga il mutuo.

Per ulteriori informazione sul reddito di cittadinanza clicca qui >> reddito di cittadinanza

A cosa ha diritto un disoccupato? | avv. Angelo Greco

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.