Attaulità e News

Cose da sapere sugli immigrati e l’immigrazione in Italia!

Uno degli stereotipi più diffusi sugli immigrati, ed in particolare sui richiedenti asilo, è il fatto che abbiano sempre uno smartphone con loro.

Qualcuno addirittura si stupisce quando li vede sbarcare con un telefono in mano dopo una traversata sui gommoni, quasi fosse un vezzo, e non un possibile salva vita in caso di pericolo.

Spesso non ci si ferma a pensare che questi dispositivi, ormai così comuni in tutto il mondo, sono necessari per avere informazioni affidabili in tempo reale, come peraltro dimostrato da un recente studio di Open University2.

Per i rifugiati che scappano da paesi distrutti dalla guerra, come la Siria, l’Iraq e la Libia, lo smartphone è essenziale tanto quanto un giubbino salvagente.

Il cellulare è indispensabile per comunicare con la famiglia lontana e con gli amici, per scambiarsi informazioni “di servizio” legate al viaggio o al luogo in cui si arriva e per sapere quali sono i tanti pericoli che si possono incontrare. Ecco perché il cellulare è il primo bene che una persona si porta dietro..

Leggi anche: Lettera di invito per stranieri 2019 – cos’è e come si fa?

In Italia, al loro ingresso nella struttura di accoglienza, i richiedenti asilo ricevono una ricarica telefonica che gli permetterà di informare le mogli, i mariti, i figli, le madri e i padri che il viaggio è andato bene, che non sono annegati, come purtroppo spesso succede.

Le applicazioni di geolocalizzazione e i social media sono diventati strumenti fondamentali in quanto permettono non solo di tenersi in contatto con le persone care ma anche di orientarsi durante il viaggio e nel luogo in cui ci si trova.

Eppure una delle domande più frequenti che sentiamo porci è come sia possibile che persone che provengono da paesi poveri, dove spesso non hanno la possibilità di comprarsi nemmeno da mangiare, abbiamo comunque un telefonino.

E’ evidente che il telefono sia ormai un bene primario, non più di lusso, accessibile per tante persone, compresi coloro che hanno un reddito basso. Per procurarsi un telefono non c’è bisogno di disporre di grandi capitali. Le
persone con limitate disponibilità economiche sono in grado, grazie anche al costante ricambio dei cellulari indotto da un rilancio sul mercato di modelli sempre più nuovi e aggiornati, di acquistarne uno senza troppi sacrifici.

Tutti gli immigrati arrivano in Italia, E in Europa?

Ma è proprio vero che tutti i rifugiati arrivano in Italia? Per comprenderlo è necessario scorrere gli ultimi dati forniti dalle Nazioni Unite che descrivono una situazione molto variegata a livello globale.

Nel mondo il maggior numero di rifugiati è accolto da paesi extraeuropei ad eccezione della Germania che figura tra i primi 10 paesi nel mondo per accoglienza di rifugiati.

Su oltre 17 milioni di rifugiati nel mondo solo 2,3 milioni si trovano in Europa mentre in Africa sono più di 5 milioni, in Asia 3,5 milioni e in Medio Oriente-Nord Africa 2,7 milioni.

In Europa la percentuale dei rifugiati rispetto alla popolazione totale è molto bassa, anche se in continua crescita.

La Svezia rimane il paese con il rapporto più alto tra rifugiati presenti e popolazione ovvero poco più di due rifugiati ogni 100 abitanti mentre l’Italia appena di 2,4 ogni mille abitanti per cui se mettessimo in fila mille persone solo due o poco più sarebbero dei rifugiati.

Leggi anche: Il permesso per motivi di studio può essere convertito?

Gli immigrati rubano il lavoro agli italiani?

Quello dei lavoratori stranieri è un vero e proprio esercito. Il loro fortino è protetto dalle mura di casa: tra i domestici gli immigrati sono infatti ben il 74%. Non solo.

Tra i venditori ambulanti, gli stranieri superano gli italiani e il loro peso cresce di anno in anno anche tra pescatori, pastori e boscaioli (sono il 40%).

E gli italiani? “Si sono spostati verso professioni più qualificate,liberando le fasce produttive più basse”.

Un esempio: nei campi i migranti fanno ibraccianti, ma quasi il 90% degli agricoltori specializzati è italiano.

Che lavoro fanno  dunque i padri e le madri degli oltre 800mila bambini in attesa dello ius soli? A rispondere è l’ultimo “Rapporto sull’economia dell’immigrazione”, a cura della Fondazione Leone Moressa.

I numeri: dal 2008 al 2016 la presenza dei lavoratori stranieri si è fatta sempre più evidente, da 1,7 milioni si è passati a 2,4 milioni (+41%).

Nello stesso periodo, il loro peso sul totale degli occupati è cresciuto dal 7,3% al 10,5%. Gli immigrati restano però occupati prevalentemente in lavori di media e bassa qualifica.

Oltre un terzo degli stranieri (35,6%) esercita infatti professioni non qualificate, il 29,3% ricopre funzioni da operaio specializzato e solo il 6,7% è un professionista qualificato.

Quello che più salta agli occhi è la loro concentrazione in alcuni settori: in base agli ultimi dati della Moressa, il 74% dei collaboratori domestici è infatti straniero, così come il 56% delle badanti e il 51% dei venditori ambulanti.

Leggi anche: Irequisiti Isee per ottenere il Bonus bebè 2019 Inps – Ultime notizie!

E ancora: il 39,8% dei pescatori, pastori e boscaioli è d’origine immigrata, così come il 30% dei manovali edili e braccianti agricoli.

Gli stranieri restano invece esclusi dalle professioni più qualificate. Un ambito particolarmente interessante per osservare le differenze è quello dell’occupazione femminile.

In Italia sono occupate 9,5 milioni di donne e di queste oltre 1 milione sono straniere. Tra le collaboratrici domestiche, le immigrate sono il 72%, tra le badanti il 58%.

Le donne straniere non riescono invece ad accedere alle professioni più qualificate (insegnanti, procuratori, avvocati). L’analisi per settori aiuta a capire meglio.

Nel commercio, oggi gli immigrati fanno i venditori ambulanti, mentre gli italiani gestiscono e pianificano le vendite, oppure occupano posizioni da commesso (dove superano abbondantemente il 90% del totale degli occupati).

Gli immigrati chi arrivano sono tutti terroristi?

Secondo i dati forniti dal Global Terrorism Database e studiati dalla ricercatrice italiana Belgioioso, il 62,25% degli attentati in Europa viene compiuto da organizzazioni europee, (gruppi di estrema destra e sinistra e gruppi anarchici, separatisti e animalisti).

Il 15% circa, poi, sono perpetrati da movimenti antiimmigrati, il 4,08% da gruppi anti-Islam e il 3,89% da gruppi jihadisti. Per il 14,0% circa degli attentati non si è riusciti a individuare i responsabili.

Dunque il reale impatto di organizzazioni terroristiche di matrice islamica non è tanto nei numeri ma nella letalità degli attacchi compiuti. Nel biennio 2014-15 sono state 141 le vittime causate dagli attentati di matrice islamista, 115 quelle dei gruppi anti-islamici, 27 delle organizzazioni nate in Europa, 8 dei movimenti anti-immigrati, 2 di gruppi non identificati e 1 di organizzazioni antisemite.

Anche i numeri relativi ai soggetti direttamente responsabili degli attacchi terroristici nell’Unione Europea non riescono a suffragare la tesi che tutti i terroristi siano immigrati stranieri.

Infatti solamente il 6% degli attentati è stato compiuto da cittadini non europei, divisi tra migranti irregolari (2,64%), migranti regolari (2,64%) e soggetti con doppia cittadinanza (0,66%).

Il restante 94% degli attentati è stato compiuto da cittadini europei nati in Unione Europea, dunque non c’è quasi mai un nesso diretto tra terrorismo e immigrazione.

Peraltro solo il 10% dei cittadini europei ha viaggiato fuori dall’Europa per ricevere addestramento militare.

Leggi anche: Conto corrente senza residenza – tutto ciò che devi sapere!

Un dato preoccupante riguarda l’informazione collegata a questi attentati che nell’85,5% dei casi sono compiuti da organizzazioni europee, ma risulta impossibile trovare informazioni riguardanti gli attentatori.

Al contrario negli attacchi di matrice islamista vengono diffusi tutti i particolari dei terroristi.

ius soli temperato e ius culturae:

La proposta di legge, di cui si è molto discusso negli ultimi anni, introduce due nuovi criteri per ottenere la cittadinanza prima dei 18 anni: si chiamano ius soli temperato (“diritto legato al territorio”) e ius culturae (“diritto legato all’istruzione”).

Lo ius soli puro prevede che chi nasce nel territorio di un certo stato ottenga automaticamente la cittadinanza: non è però il caso della proposta sulla quale si è dibattuto lungamente che invece si riferisce al cosiddetto ius soli temperato cheprevede che un bambino nato in Italia diventi automaticamente italiano se almeno uno dei due genitori si trova legalmente in Italia da almeno 5 anni.

Se il genitore in possesso di permesso di soggiorno non proviene dall’Unione Europea, deve rispettare altri tre parametri: avere un reddito non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale, disporre di un alloggio che risponda ai requisiti di idoneità previsti dalla legge e superare un test di conoscenza della lingua italiana.

L’altra strada per ottenere la cittadinanza è quella del cosiddetto ius culturae, e passa attraverso il sistema scolastico italiano.

Potranno chiedere la cittadinanza italiana i minori stranieri nati in Italia o arrivati entro i 12 anni che abbiano frequentato le scuole italiane per almeno cinque anni e superato almeno un ciclo scolastico (cioè le scuole elementari o medie).

I ragazzi nati all’estero ma che arrivano in Italia fra i 12 e i 18 anni potranno ottenere la cittadinanza dopo aver abitato in Italia per almeno sei anni e avere superato un ciclo scolastico

Gli immigrati non pagano le tasse?

Sono 2,3 milioni, pari al 7,5% del totale, e pagano 7,2 miliardi di euro di Irpef, con un aumento del 6,4% in un anno. Non solo. Dal 2010 al 2016 l’Irpef degli stranieri è aumentato del 13,4%, mentre il gettito degli italiani è diminuito dell’1,6%.

I ‘campioni’ restano romeni, albanesi e marocchini, che rappresentano le nazionalità più numerose, ma sono i contribuenti filippini, moldavi e indiani a segnare il record di crescita nell’ultimo anno.

A fotografare l’impatto fiscale dell’immigrazione in Italia è l’ultimo studio della Fondazione Leone Moressa .

Dalle dichiarazioni dei redditi 2016, emerge il contributo dei “nuovi italiani” alle casse dello Stato. La prima differenza tra contribuenti italiani e stranieri emerge nelle classi di reddito.

Tra i nati all’estero, oltre il 50% ha un reddito annuo inferiore a 10mila euro. Tra i nati in Italia questa componente si attesta invece sotto il 30%. Al contrario, meno del 2% dei nati all’estero dichiara redditi superiori a 50mila euro, mentre tra i nati in Italia questa componente supera il 5%.

In Italia, nell’ultimo anno, i contribuenti nati all’estero che hanno versato l’imposta netta sono 2,3 milioni, pari al 7,5% del totale.

Nell’ultimo anno si comincerebbe dunque ad avvertire la ripresa economica, sia per gli italiani (+2,6% nel gettito Irpef) ma soprattutto per gli stranieri (+6,4%).

A livello nazionale, la regione con il maggior numero di contribuenti nati all’estero è la Lombardia (503mila), seguita da Veneto (262mila) ed Emilia Romagna (259mila).

Includendo anche il Lazio, nelle prime 4 regioni si concentra oltre la metà dei 2,3 milioni di contribuenti stranieri presenti in Italia.

La media procapite di imposta versata dai migranti è di 3.127 euro a contribuente a livello nazionale, con picco massimo in Lombardia (3.815) e minimo in Calabria (1.804).

Leggi anche: Differenza tra la pensione di invalidità e di inabilità

A Prato, nota per la forte presenza cinese, i contribuenti Irpef nati all’estero rappresentano il 17,4% del totale.

Milano è la provincia dove l’Irpef media pro-capite è più alta (4.940 euro), «segno di una presenza straniera qualificata e integrata nel tessuto produttivo».

I nati in Romania rappresentano il 18,1% dei contribuenti nati all’estero. Seguono Albania (7,3%) e Marocco (5,2%).

Le singole collettività presentano poi dati molto diversificati: nell’ultimo anno, come già evidenziato, gli aumenti più intensi nel volume Irpef si registrano tra filippini (+21,4%), moldavi (+15,9%) e indiani (+14,9%).

Leggi di più:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comInstagram per ulteriori aggiornamenti ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Portale immigrazione

Attraverso questo sito e questo profilo "Portale Immigrazione", vogliamo mantenervi aggiornati sul tema dell'immigrazione, della cittadinanza italiana e dell'integrazione degli stranieri all'interno della nostra società italiana ♥.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker