Pensione

Aumento pensione di invalidità Decreto Agosto: 516 euro dai 18 anni!

Aumento pensione di invalidità – E’ stato confermato l’aumento dell’assegno riguardante gli invalidi civili totali. I 516 euro verranno attivati a partire dai 18 anni e non più dai 60.

La norma è retroattiva dal 20 luglio. E’ questo quanto prevede la bozza di testo del decreto Agosto diffusa in queste ore.

E’ arrivato l’aumento riguardante le pensioni di invalidità. Con il mutamento in legge del Decreto Rilancio (DL n.34/2020) è diventato di conseguenza ufficiale l’aumento a 516,46 euro mensili.

Una scelta a cui il Parlamento ha deciso di uniformarsi con l’entrata di un emendamento al promosso decreto da FdI.

Leggi anche: Pensioni riforma dal 2022: Novità del governo al lavoro

Aumento pensione d’invalidità: la sentenza della Corte Costituzionale

La Corte Costituzionale ha stabilito che:

“La somma totale mensile della pensione di inabilità, di tot euro 286,81 è innegabilmente, e manifestamente, insufficiente ad assicurare agli interessati il minimo vitale”.

Di conseguenza non rispetta “il limite invalicabile” del nucleo fondamentale del “diritto al mantenimento”, che lo garantisce per “ogni cittadino inabile al lavoro”.

Da leggere:  Pensione quota 100: stop alla quota ma si abbassa l’età pensionabile

Una somma dell’importo di questo genere, hanno di fatto sottolineato i giudici, è troppo inferiore per essere in grado permettere alle persone con disabilità di condurre una vita dignitosa.

280 euro mensili non consentono, di garantire il soddisfacimento di bisogni comuni minimi di tutti. Come:

  • Alimentarsi;
  • Vestirsi;
  • Pagare l’affitto di un’abitazione.

Infatti «Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale.»

Leggi anche: Pensione a 67 anni: non bastano 20 anni di contributi!

Aumento pensione d’invalidità: come funziona?

La pensione d’invalidità viene paragonata da parte degli giudici ad altre forme assistenziali:

  • Come per esempio l’assegno sociale per gli ultrasessantasettenni, pari a 459,83 euro mensili;
  • Ancora al reddito di cittadinanza, che corrisponde a 500 euro mensili (più 280 euro per voci accessorie).

Il Parlamento ha previsto, un fondo “con una dotazione iniziale pari a 46 milioni di euro per l’anno 2020” destinato proprio a ottemperare “alla sentenza della Corte costituzionale, in favore degli invalidi civili totali, indipendentemente dal requisito dell’età pari o superiore a sessanta anni previsto dal comma 4 del medesimo articolo 38.”

Aumento pensione d’invalidità: a chi spetta?

L’aumento della pensione d’invalidità non riguarda tutte le persone che ricevono assegni di invalidità civile.

Perciò per essere in grado di beneficiare di questa forma di sostegno bisogna non superare un reddito personale pari a 16.982,49 euro.

Da leggere:  In Aumento le pensioni invalidità: ecco la domanda per l’Inps

Che fa riferimento solamente al titolare della pensione e non solamente al coniuge.

L’aumento della somma è di diritto solamente alle persone riconosciute “invalidi civili al 100%” che sono al di sopra dei 18 anni di età.

E che siano escluse in total modo dal mondo del lavoro, ma con un limite di reddito nettamente inferiore.

Leggi anche: Pensione di cittadinanza: Nuova domanda alla scadenza?

L’incremento è concesso solo nel caso in cui:

  1. Il beneficiario della pensione di invalidità non possieda redditi superiori a euro 6.713,98 annuali;
  2. Nel caso fosse sposato, i redditi cumulati con quelli del coniuge, non devono essere di importo pari o superiore a euro 6.713,98 aumentati dell’importo annuo dell’assegno sociale.

Nel caso in cui i redditi ottenuti dovessero risultare inferiori a questo limite, l’aumento è fatto apposta così da non comportare il superamento.

Pensione di invalidità civile 2020: da quando è previsto l’aumento?

Questa è la domanda più frequente che numerose persone si pongono.

L’aumento della pensione di invalidità, che equivale a circa 230 mesi, diventerà effettivo nel mese successivo rispetto a quello di approvazione della legge.

L’INPS deve essere aggiornato. Manca anche la circolare dell’Istituto a essere in grado di l’avvenuto aumento, non ci sono comunicazioni ufficiali da parte dell’Istituto.

Forse c’è bisogno aspettare la Legge di Bilancio 2021, in modo tale che questo aumento diventi strutturale e possa anche essere riservato a una platea più ampia di beneficiari.

Da leggere:  Reddito di cittadinanza: Perde il beneficio chi rifiuta le proposte di lavoro!

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.