Attaulità e NewsEconomia

Asilo nido gratis dal 1° gennaio 2020: Come funziona?

Asilo nido gratis dal 1° gennaio 2020 per le famiglie con reddito medio-basso: la conferma del ministro dell’Economia Gualtieri.

Info su requisiti e modalità per richiedere il bonus.

Un rafforzamento del bonus per gli asili nido che consentirà “la sostanziale gratuità degli asili nido per la grande maggioranza delle famiglie italiane, importante anche dal punto di vista del sostegno all’occupazione femminile.

Si parlava della misura da settembre” ma scatterà “già dal 1° gennaio”, ha affermato Gualtieri durante un’audizione sulla Manovra al Senato, che ha poi ricordato che si prevede anche l’aumento dei posti al nido “oggi insufficienti in particolare nel Mezzogiorno”.

In tutto nel triennio, ricorda si stanziano 2,8 miliardi in più per la famiglia”.

Asilo nido gratis 2020: a chi spetta?

Chiarita la data di avvio della norma, che sarà il 1° gennaio 2020, non si sa ancora quali sono i requisiti richiesti per accedere al nido gratis 2020, né la procedura per fare la domanda.

Stando alle parole del ministro Gualtieri, accederà al bonus la grande maggioranza delle famiglie italiane.

Ad oggi, in alcuni Comuni le famiglie con ISEE inferiore ai 20mila euro possono già usufruire della retta del asilo nido gratis per bimbi da 03 anni iscritti a strutture pubbliche o private presentando domanda online attraverso il sistema informativo dedicato con la CRS e minute di SPID. Restiamo quindi in attesa di notizie ufficiali.

“Sugli asili nido non possiamo indugiare oltre”, aveva detto Conte. “Questo Governo, quale prima misura di intervento a favore delle famiglie con redditi bassi e medi, si adopererà con le Regioni per azzerare totalmente le rette per la frequenza di asili nido e micro nidi a partire dall’anno scolastico 2020-2021 e per ampliare contestualmente l’offerta dei posti disponibili, soprattutto nel Mezzogiorno”.

Da leggereTasse legge di bilancio 2020: Quali sono le tasse che saranno introdotte?

Bonus nido 2020 importo: quanto spetta?

A decorrere dall’anno 2020, per tutte le famiglie che dimostrano di avere bambini iscritti agli asili nido il bonus – in vigore dal 1 gennaio 2017 (articolo 1, comma 355, della legge 232/2017) e già incrementato dallo scorso anno a 1.500euro annui – verrà così rimodulato:

  • per i nuclei familiari con un valore dell’Isee fino a 25.000 euro, il bonus verrà incrementato di ulteriori 1.500 euro, fino a un totale di 3mila euro annui (erogati in 272, 72euro mensili di rimborso della retta, calcolata sugli 11 mesi di frequenza);
  •  per i nuclei familiari con un Isee da 25.001 euro fino a 40.000 euro, il bonus verrà incrementato di 1.000 euro, fino a 2.500 euro complessivi (227,27euro mensili);
  • per i nuclei familiari con Isee oltre i 40mila euro, il bonus resterà a 1.500 euro annui (136,36 euro mensili).

La misura consiste in un bonus strutturale (non è prevista una scadenza nei prossimi anni) che attualmente viene erogato dall’Inps, previa accettazione della domanda documentata presentata da parte della famiglia, tramite rimborsi mensili delle singole rette pagate.

La suddivisione dell’importo massimo annuo viene calcolata su 11 mesi di frequenza. Senza la prova del bollettino o della retta pagata, l’Inps non prevede alcun rimborso.

La pratica 2020 dovrebbe seguire le stesse procedure degli anni passati, ma si dovrà attendere la circolare Inps per i dettagli.

L’azzeramento della retta non sarà per tutti In base ai dati Istat presentati in audizione l’11 novembre scorso al Senato, la spesa media mensile pagata dalle famiglie che hanno i bambini in asili nido comunali a gestione diretta è pari a 2.009 euro l’anno per utente, cioè 182 euro mensili (ipotizzando 11 mesi di frequenza), a fronte di una spesa media a carico dei Comuni di 8.469 euro l’anno.

Da leggereDecreto fiscale 2020: vediamo insieme cosa dice!

Requisiti per la domanda asilo nido gratis 2020:

La domanda bonus 2020 Inps può essere presentata dai genitori per i figli nati o adottati purché in possesso dei seguenti requisiti bonus asilo nido gratis inps:

Essere in possesso della cittadinanza italiana, oppure:

  • Cittadinanza UE;
  • Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • Carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini dell’UE;
  • Carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza dell’Unione europea;
  • Status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria;
  •  Residenza in Italia.

Inoltre per accedere al bonus sono richiesti ulteriori requisiti  asilo nido gratis, il genitore richiedente, infatti, deve aver sostenuto il pagamento della retta dell’asilo nido mentre per avere diritto al asilo nido gratis per bambini malati gravi, il richiedente deve coabitare con il figlio e avere dimora abituale nello stesso comune.

Leggi anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comInstagram per ulteriori aggiornamenti ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Portale immigrazione

Attraverso questo sito e questo profilo "Portale Immigrazione", vogliamo mantenervi aggiornati sul tema dell'immigrazione, della cittadinanza italiana e dell'integrazione degli stranieri all'interno della nostra società italiana ♥.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker