Bonus

Bonus baby sitter da 1.200 euro: l’Inps conferma la platea!

Il bonus baby sitter per l’emergenza da Coronavirus, aumentato a 1.200 euro, e potrà essere richiesto:

  • Dai lavoratori dipendenti del settore privato;
  • Da quelli iscritti in via esclusiva;
  • Gestione separata Inps;
  • Gestioni dei lavoratori autonomi dell’istituto nazionale di previdenza;
  • Anche dai professionisti iscritti alle relative Casse di previdenza privatizzate.

Contributo in versione maxi accessibile infatti per tutti i lavoratori:

  • Dipendenti privati;
  • Commercianti;
  • Artigiani;
  • Partite Iva;
  • Collaboratori;
  • Liberi professionisti.

l’Inps stesso invia la conferma, tramite un messaggio pubblicato sul sito internet. Le domande, però, non possono essere ancora presentate.

Il decreto cura Italia di metà marzo introduce un bonus che parte da 600 euro, utilizzabile per poter pagare la baby sitter.

Questo come alternativa al congedo parentale straordinario di 15 giorni utilizzabile durante il periodo di chiusura di scuole e asili per l’emergenza coronavirus.

Leggi anche: Bonus vacanze da 500 euro: Ecco come fare richiesta

Bonus baby sitter da 1.200 euro: versione potenziata

Il decreto legge rilancio, precedentemente entrato in vigore a partire dal 19 maggio, ha raddoppiato il valore del bonus a 1.200 euro.

Saranno in grado di richiedere l’importo maggiorato nella versione da 600 euro anche le categorie di lavoratori destinati di questo aiuto. Questo quanto confermato dall’istituto di previdenza.

Rientrano nella platea:

  • Artigiani;
  • Commercianti;
  • Coltivatori diretti;
  • Partite Iva e co.co.co della gestione separata Inps;

I professionisti quali:

  • Avvocati;
  • Commercialisti;
  • Psicologi;
  • Consulenti del lavoro;
  • Notai;
  • Architetti;
  • Ingegneri.

Leggi anche: Novità Bonus da 1000 euro a maggio diventerà selettivo!

Viene raddoppiato anche il valore del bonus, (da 1.000 a 2.000 euro) per gli operatori:

  • Del servizio sanitario pubblico e privato;
  • Per quelli dei comparti sicurezza, difesa e soccorso pubblico.

Un’altra novità che possiamo trovare è che il contributo verrà erogato direttamente al richiedente (e non più solo tramite il libretto famiglia da utilizzare per retribuire la baby sitter).

Che a sua volta potrà utilizzarlo al fine di pagare la quota di partecipazione del figlio a:

  • Centri estivi;
  • Servizi integrati per l’infanzia;
  • Servizi socio-educativi territoriali;
  • Centri servizi per la prima infanzia.

Leggi anche: Bonus da 400 a 600 euro badanti straniere con decreto maggio

Quasi 200 mila richieste per il bonus:

Nell’attesa che l’Inps aggiorni le procedure informatiche, le domande per la versione potenziata del bonus, però, non possono ancora essere presentate.

A partire da metà del mese di marzo al 25 maggio l’istituto di previdenza ha ricevuto richieste per 191.595 bonus, e ben 269.328 per i congedi parentali (che sono un’alternativa al bonus).

Una partenza meritevole, invece, per l’indennità da 500 euro destinata alle colf.

In tre giorni (ovvero dal 25 al 27 maggio) sono state presentate 44.266 richieste, di cui 29.659 direttamente dai collaboratori domestici e 14.607 tramite i patronati.

Il reddito di emergenza, dunque, tra il 22 e il 27 maggio è stato richiesto da 100.258 persone. 37.188 domande sono arrivate dai patronati e 63.140 direttamente dai cittadini.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Lina F.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Art 3

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker