Bonus

Come ottenere l’indennità colf in 4 mosse | Stranieri d’Italia

Indennità colf in 4 mosse – A partire da lunedì i collaboratori domestici potranno presentare la domanda per poter ottenere l’indennità di 500 euro precedentemente introdotta dal decreto rilancio.

Per quanto riguarda i mesi di aprile e maggio (per un totale di 1.000 euro).

Per la richiesta bisogna farla attraverso l’Inps con il sito internet oppure il call center, però in caso contrario ci si può rivolgere a un patronato che si occupa di effettuare una procedura per conto del richiedente.

Nel caso venga scelta la procedura online, bisogna avere:

  • Un Pin ( ovvero un codice identificativo personale) rilasciato dall’istituto di previdenza;
  • Oppure un’identità digitale Spid che sia almeno di secondo livello;
  • O una carta di identità elettronica 3.0;
  • O la carta nazionale dei servizi.

Il Pin, va ricordato, serve anche se si ricorre al call center.

Indennità colf: Login e dati personali

Nel caso si decisa di eseguire un percorso online, bisogna iniziare dalla pagina pre-home del sito Inps dove in questi giorni sono presenti i principali servizi e news legati all’emergenza Covid.

In seguito si arriva alla procedura per la vera e propria domanda.

Il sistema, successivamente al riconoscimento dell’utente, procede ai dati anagrafici necessari per la richiesta. In caso di errori è necessario passare all’area anagrafica della sezione riservata del sito e poi ritornare alla procedura.

Da leggere: Novità Bonus da 1000 euro a maggio diventerà selettivo!

Quali sono i requisiti per ottenere l’indennità?

Bisogna auto dichiarare il possesso di tutti i requisiti richiesti, spuntando le relative caselle. Per ottenere l’indennità è necessario non:

  • Essere convivente con il datore di lavoro;
  • Aver fruito delle indennità introdotte dal decreto legge 18/2020 in favore delle seguenti categorie di lavoratori:
  1. Partite Iva e co.co.co iscritti alla gestione sperata Inps (articolo 27);
  2. Commercianti;
  3. Artigiani e coltivatori diretti (28);
  4. Lavoratori stagionali di turismo o terme (29);
  5. Operai del settore agricolo (30);
  6. Lavoratori dello spettacolo (38).
  • Aver percepito l’indennità prevista per gli iscritti alle Casse di previdenza dei:
  1. Professionisti;
  2. Lavoratori intermittenti;
  3. Collaboratori occasionali;
  4. Venditori porta a porta, stagionali non del turismo e terme (articolo 44 del Dl 18/2020).
  • Essere titolare di pensione, fatta eccezione per l’assegno ordinario di invalidità;
  • Essere titolare di altra tipologia di rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato.

Da leggere: Reddito di cittadinanza in scadenza: Lavorare in ogni parte d’Italia

Indennità colf: Come avviene il pagamento?

Nel momento in cui si supera questa fase, si deve indicare la modalità di accredito dei soldi. Le opzioni disponibili sono:

  • Conto corrente bancario;
  • Conto corrente postale;
  • Carta di credito ricaricabile con Iban;
  • Libretto postale;
  • Bonifico domiciliato (contanti) presso un qualunque ufficio postale.

Se non viene scelta quest’ultima opzione, l’Iban, che può anche essere riferito a un conto/carta straniero, bisogna associarlo a uno strumento intestato a chi sta presentando la domanda.

Questa equivalenza viene verificata dall’Inps prima che venga effettuato l’accredito.

La modalità del pagamento può cambiare in seguito alla presentazione della domanda, a patto che avvenga prima dell’erogazione, rientrando sempre nell’area dedicata.

Da leggere: Affitto in contanti 2020: Pagamento canone con assegno obbligatorio?

Invio e monitoraggio:

Si può dare un’ultima occhiata alle informazioni precedentemente inserite e spedite la domanda oppure direttamente uscire dalla procedura.

La pratica resterà salvata come bozza, che rimarrà disponibile per una ulteriore verifica prima della presentazione.

Quando si effettua questo invio, viene di seguito rilasciata una ricevuta con all’interno un codice identificativo, che non è però il protocollo della domanda.

Quest’ultimo viene rilasciato di seguito e in un secondo momento inviata una notifica tramite un sms o un messaggio di posta elettronica all’interessato.

In quel momento si può rientrare nella sezione dedicata del sito internet e scaricare la ricevuta della domanda con il numero di protocollo che la segue. La pratica viene messa in lavorazione di seguito, anche se non è presente la protocollazione.

All’interno della sezione dedicata, attraverso la funzione “consultazione stato pratica e pagamenti”, si può monitorare in che fase si trova la domanda:

  1. Bozza;
  2. Presentata;
  3. Protocollata;
  4. Respinta;
  5. Accolta;
  6. Accolta liquidata (pagamento ordinato);
  7. annullata (su richiesta dell’interessato tramite la funzione disponibile online).

 I nostri visitatori hanno letto anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Lina F.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Art 3

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker