Attaulità e News

Ue riapre frontiere a 15 Paesi: Usa esclusi con Brasile e Russia

Ue riapre frontiere – I paesi dell’Unione Europea, hanno dato il consenso, finalmente raggiunto la settimana scorsa. Per quanto riguarda la riapertura delle frontiere dell’Unione europea (esterne) a una lista di paesi terzi.

Sono numerose le variabili che i governi hanno dovuto tenere a conto. Quando è stata approvata la raccomandazione, l’impegno diventa vincolante sempre parlando da un punto di vista politico.

La lista comprende 14 paesi:

  • Algeria;
  • Australia;
  • Canada;
  • Georgia;
  • Giappone;
  • Montenegro;
  • Marocco;
  • Nuova-Zelanda;
  • Rwanda;
  • Serbia;
  • Corea del Sud;
  • Thailandia;
  • Tunisia;
  • Uruguay.

Da leggere: Come riapriranno le frontiere in Europa? | Stranieri d’Italia

A questa lista si possono aggiungere paesi come la Cina, nel caso dal paese asiatico ci fosse reciprocità nei confronti dei cittadini comunitari. Invece resteranno esclusi sono gli Stati Uniti, il Brasile e la Russia.

I Ventisette dovranno aggiornare la lista ogni due settimane. I diplomatici nella sede di Bruxelles hanno negoziato in questi giorni un criterio epidemiologico con cui stabilire se aprire oppure no le frontiere esterne a singoli paesi terzi.

Questo parametro include che si riescano ad aprire i confini con i paesi che negli ultimi 14 giorni abbiano livelli epidemiologici più vicini a quelli europei.

Il fatto che i confini vengano aperti, a cominciare dal 1° luglio, riguarda anche i residenti di quattro enclaves europee:

  • Andorra;
  • San Marino;
  • Vaticano;
  • Montecarlo.

Da leggere: Decreto flussi 2020: Ecco le novità | Stranieri d’Italia

Ue riapre frontiere : Anche Italia favorevole

«Vi sono state nel fine-settimana discussioni con i paesi tentennanti, perché l’astensione vale voto contrario», ha spiegato un diplomatico.

Numerosi paesi sono allarmati per le conseguenze sanitarie, però anche quelle politiche (per esempio: aprire i confini ai cinesi, ma tenendoli chiusi agli americani).

Tuttavia, numerosi dei grandi paesi – Germania, Francia e Spagna – hanno dato la loro approvazione. Anche l’Italia si è vista votare a votare a favore del compromesso.

Invece paesi come la Danimarca e Irlanda non hanno partecipato all’iter decisionale,  in quanto godono di esenzioni per quanto riguarda il campo degli affari interni. Invece è stata approvata una raccomandazione.

Da leggere: Trasferire denaro online con TransferWise, è sicuro?

Impegno politico, non obbligo giuridico:

L’accordo è quindi un impegno politico, non un obbligo giuridico.

I governi saranno in grado di modificare la lista, però tenendo conto i rischi, nel caso dovessero aprire le frontiere a paesi non inclusi all’interno della lista.

Il pericolo in questa situazione è che i partner europei possano rintrodurre limitazioni alle frontiere interne per quanto riguarda la Zona Schengen. Per poter evitare nuovi focolai infettivi.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Lina F.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Art 3

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker