Attaulità e NewsDocumenti e moduli

Visto Schengen 2020: Ecco il nuovo regolamento 2020!

Le regole del visto Schengen cambieranno a partire da febbraio 2020 – Ecco quello che devi sapere!

Il visto di Schengen – è senza dubbio uno dei visti più famosi al mondo, nonché uno dei migliori.

Concedendo al titolare la possibilità di viaggiare in 26 paesi europei, 22 dei quali fanno parte dell’Unione europea. Il numero di richiedenti visti Schengen è in costante aumento ogni anno.

Il visto Schengen è stato spesso definito difficile da ottenere. Tuttavia, ora l’Unione Europea sta modificando alcune delle regole previste dal codice dei visti Schengen che implica benefici, nel tentativo di facilitare le procedure di domanda, per i viaggiatori e per il personale del consolato.

Leggi anche: NASPI 2020: Inps requisiti, domanda disoccupazione e importo

Cos’è il codice dei visti Schengen?

Il codice UE dei visti, che è un insieme di norme che regolano le procedure di domanda, il trattamento e il rilascio di visti per soggiorni di breve durata all’Unione europea, ufficialmente noto come visti Schengen.

Il codice è entrato in vigore nel 2010 e da allora è stato applicato da tutti i paesi membri dell’Unione europea e dagli Stati associati che attuano l’acquisizione di Schengen.

Ha inoltre contribuito all’attuazione di altre politiche dell’Unione, come quelle relative alle relazioni esterne, al commercio, all’istruzione, alla cultura e al turismo.

Nel corso degli anni, l’UE ha utilizzato il codice dei visti per garantire un miglior equilibrio tra migrazione e sicurezza, considerazioni economiche e relazioni esterne generali.

Perché l’UE aggiorna il codice dei visti?

Nel maggio 2018 la Commissione europea ha adottato una proposta di revisione del regolamento, al fine di rafforzare la politica comune in materia di visti.

La versione aggiornata del codice dei visti, suggerisce inoltre che il ruolo della politica dell’UE dovrebbe aumentare maggiormente in relazione alla cooperazione con i paesi terzi.

Da leggere:  Passaggio macchina con ricevuta permesso di soggiorno: è possibile farlo?

Nel complesso, i commissari che hanno appoggiato la proposta hanno dichiarato di voler agevolare le procedure di visto per i viaggiatori abituali nell’area Schengen. Inoltre premiando i paesi che hanno collaborato alla riammissione dei migranti illegali e altri settori analoghi, con procedure di visto più semplici.

Dopo che la Commissione ha adottato la sua proposta, il Parlamento europeo l’ha sostenuta nell’aprile di quest’anno. In seguito il Consiglio dell’Unione europea le ha dato il via libera in giugno, che è stato l’ultimo passo verso la sua attuazione.

Quando inizia il nuovo visto Schengen?

Tutti i richiedenti visti Schengen che presentano una domanda dal primo lunedì del febbraio 2020 in poi saranno soggetti al nuovo codice dei visti Schengen.

Un portavoce del Ministero degli Esteri tedesco ha inoltre confermato che la missione tedesca applicherà il codice dei visti Schengen riformato, a partire dal 2 febbraio 2020.

Da leggere:Visite fiscali Inps 2020: Di che cosa si tratta? e come comportarsi?

Cosa può cambiare per i richiedenti del visto Schengen?

Le nuove norme apporteranno diverse modifiche alle procedure di richiesta del visto, e miglioreranno i benefici derivanti dal visto.

Le principali modifiche previste dal codice aggiornato sono le seguenti:

  • Costo del visto più alto;
  • Periodi di presentazione delle domande estesi;
  • Moduli di domanda elettronici nella maggior parte dei paesi;
  • Le autorità rappresentative di ogni membro di Schengen devono essere presenti in ogni paese terzo in termini di visto di ingresso dopo il 2 febbraio;
  • Viaggiatori frequenti con una storia positiva possono beneficiare di una validità più lunga.

Il nuovo codice introduce inoltre un meccanismo che afferma la situazione delle tasse per i visti, infatti devono cambiare o rimanere le stesse per ogni tre anni. Sarà inoltre introdotto un altro meccanismo che utilizzerà il trattamento dei visti come leva.

Maggiori tasse per ogni richiedente:

Il primo modo in cui i richiedenti saranno interessati dal nuovo codice dei visti, è attraverso le tasse sui visti:

  • I candidati che hanno pagato 60 euro per domanda, ora ne dovranno pagare 80. Mentre quelli che hanno  pagato 35 euro ne dovranno pagare 40. Questo include i bambini e altre categorie che sono state concesse con il beneficio di pagare tasse più basse;
  • I bambini da 0 a 6 anni sono esentati dal pagamento del visto;
  • Il nuovo codice introduce inoltre un meccanismo che stabilisce se le tasse sui visti debbano cambiare o rimanere le stesse ogni tre anni. Alcuni dei paesi che cooperano con l’UE in termini di riammissione di migranti illegali possono anche beneficiare di una riduzione dei diritti di visto.

Il modulo di domanda può essere firmato e inviato elettronicamente?

Nell’intento di agevolare le procedure di domanda di visto, il codice dei visti aggiornato incarica gli Stati membri di consentire, dove possibile, la compilazione e la presentazione elettronica dei moduli di domanda.

Essa li obbliga inoltre a consentire ai richiedenti il visto di firmare il modulo di domanda per via elettronica, che deve poi essere riconosciuta dallo Stato membro competente.

Da leggere: Come velocizzare la pratica della cittadinanza?

Da leggere:  Legge di Bilancio Reddito di Cittadinanza 2020: cosa cambia?

Periodi estesi di presentazione delle domande: 

Un altro vantaggio che il nuovo codice comporta per i richiedenti del visto, infatti esso può essere presentato entro un periodo di tempo che va dai tre mesi ai sei mesi prima di un viaggio.

L’ultima domanda può essere tuttavia presentata, il giorno 15 prima di un viaggio previsto nello spazio Schengen.

E con l’assicurazione di viaggio? 

L’assicurazione di viaggio rimane obbligatoria per i richiedenti di visto Schengen, nonostante i tentativi di renderla facoltativa. In effetti, il nuovo codice sottolinea l’importanza di avere un’assicurazione Schengen nel momento in cui si procede alla richiesta di un visto.

Per quanto riguarda gli ingressi multipli, i richiedenti dovranno dimostrare di essere in possesso di un’assicurazione medica di viaggio adeguata e valida che copra il periodo della loro prima visita prevista.

Anche il nuovo modulo di domanda di visto, stabilito dall’UE, ha una dichiarazione in quanto tutti gli stati “Sono consapevoli della necessità di disporre un’assicurazione medica di viaggio adeguata per il mio primo soggiorno e per le successive visite nel territorio degli Stati membri”.

Più vantaggi per i viaggiatori frequenti:

I viaggiatori che visitano frequentemente lo spazio Schengen, che possiedono una storia positiva riguardante il visto, hanno dei vantaggi. Il che significa che hanno legalmente utilizzato i loro visti precedenti, hanno una buona situazione economica nel paese di origine.

A questi soggetti sarà concesso con il vantaggio di ottenere un multiplo-visto d’ingresso valido fino a cinque anni.

Gli Stati membri sono tuttavia tenuti a prestare particolare attenzione alle persone che viaggiano per esercitare la loro professione.

Da leggere: Ingresso in Italia senza permesso di soggiorno: Quando è possibile?

Da leggere:  Come fare passaporto per neonato? (GUIDA COMPLETA)

Il trattamento dei visti come leva di riammissione:

Il nuovo codice dei visti prevede di utilizzare il trattamento dei visti come leva per spingere i paesi terzi a collaborare in termini di riammissione degli immigrati illegali.

Pertanto, la Commissione valuterà regolarmente, almeno una volta all’anno, la cooperazione dei paesi terzi in materia di riammissione.

Inoltre verificherà se un paese terzo stia cooperando in misura sufficiente e se siano necessarie azioni, in particolare nel settore della migrazione.

Nei casi in cui la Commissione ritenga che un paese terzo non stia cooperando in misura sufficiente, i cittadini di tale paese potrebbero essere esposti a periodi di trattamento dei visti più lunghi e a tasse più elevate.

I paesi che collaborano a questo proposito, gli saranno concessi periodi di trattamento dei visti più brevi, minori tasse di visto, e visti con validità più lunga.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.