Bonus

Partita Iva, nuovo bonus fino a 1.200 €: Come ottenerlo!

Partita Iva, nuovo bonus fino a 1.200 – Prima il decreto Cura Italia ed in seguito Rilancio, hanno incluso differenti misure a favore dei titolari di partita Iva e dei lavoratori autonomi.

Sono numerose le polemiche a proposito degli interventi previsti dal Governo. Con un particolare riferimento riguardante il trattamento riservato in determinati casi per i professionisti iscritti agli ordini.

Stanziati 2,5 mln di euro per rimborsi costi lockdown:

Bisogna segnalare che determinate casse di previdenza private hanno effettuato delle misure addizionali a quelle previste dal Governo. Ciò per poter offrire un ulteriore sostegno ai loro iscritti.

La più recente notizia, è quella che giunge dalla Cassa forense che include il rimborso dei costi del lockdown, per avvocati e praticanti.

Questa cassa di è occupata di pubblicare un bando straordinario. Prevede l’assegnazione dei contributi forfettari da poter inviare ai suoi iscritti per i costi relativi all’esercizio della professione legale. Sempre durante il periodo febbraio/aprile 2020.

Infatti sono stati stanziati 2,5 milioni di euro. Da poter destinare agli avvocati e ai praticanti che sono risultati iscritti alla cassa.

E che non siano sospesi  in un secondo momento, né cancellati dall’albo/registro dei praticanti avvocati.

Da leggere: NoiPA, Assegno nucleo familiare 2020/21: Nuovi importi

Partita Iva, nuovo bonus fino a 1.200: Chi può partecipare al bando e chi è escluso?

Per essere in grado di partecipare al bando, sarà necessario essere in regola con le prescritte comunicazioni reddituali alla Cassa. Ed anche alla data di pubblicazione dello stesso bando.

Tuttavia, i richiedenti non dovranno essere i beneficiari per quanto riguarda il rimborso, totale o parziale, per le stesse causali da parte di altri enti.

Verranno esclusi, tuttavia da questo sostegno, gli avvocati che hanno ottenuto il bonus dei 600 euro per i mesi di marzo e aprile.

Potendo così accedere al reddito di ultima istanza, come precedentemente previsto dai decreti Cura Italia e Rilancio.

Saranno esclusi dalla richiesta le persone che risultino inseriti utilmente nella graduatoria dei bandi straordinari per l’assegnazione di contributi.

Da leggere: Bonus lavoro in busta paga a partire da luglio!

A quanto ammonta il contributo e come fare domanda Partita Iva, nuovo bonus fino a 1.200?

La somma totale è del 15% della differenza fra il volume di affari IVA e il reddito IRPEF dichiarato con il Mod5/2019.

Solamente per color che sono iscritti alla Cassa dal 2019. Il rapporto percentuale verrà calcolato in base dei dati reddituali dell’anno scorso, da dichiarare in sede di domanda.

Per poter far richiesta del bonus sarà necessario presentare la domanda, che contiene l’autocertificazione dei dati reddituali relativi all’anno 2018 dove richiesti.

Questo entro le ore 24 del 23 Luglio 2020, solamente tramite procedura telematica attivata sul sito internet della Cassa.

Da leggere: Rimborso nelle buste paga di luglio! (oltre ai bonus)

Come saranno assegnati i bonus? Ecco i criteri

Le somme verranno distribuite, fino ad esaurimento dell’importo previsto. Nel caso ci fosse parità di reddito, la precedenza viene determinata dalla minore età anagrafica.

Ed anche in caso di ulteriore parità, dalla maggiore anzianità di iscrizione alla Cassa.

Viene prevista la priorità per i richiedenti che sono in regola con il pagamento integrale di tutti i contributi minimi dovuti a partire dall’anno 2015 all’anno 2019.

Vengono considerati in regola anche i richiedenti che, a partire dalla data di pubblicazione del bando, abbiano richiesto ed ottenuto la rateazione dei contributi minimi dovuti.

E che siano inoltre in regola con il pagamento delle rate già scadute per il medesimo periodo.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Lina F.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Art 3

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker