Attaulità e NewsEconomia

Reddito di cittadinanza 2020: requisiti ISEE, a chi spetta, domanda

Reddito di cittadinanza 2020 requisiti ISEE: ecco a chi spetta, come funziona, guida per la domanda al modulo online

Dal 6 marzo per chi possiede i requisiti e le condizioni adeguate, può presentare il modulo Inps ai fini della domanda reddito di cittadinanza 2020, online tramite sito ufficiale.

In caso di esito positivo, il beneficiario ricevere, l’importo spettante sull’apposita Carta reddito di cittadinanza chiamata anche Carta RdC 2020.

Con il reddito di cittadinanza 2020 si garantisce ad ogni cittadino una vita dignitosa, politiche per la ricerca attiva di un lavoro, percorsi di qualificazione e riqualificazione professionale. Inoltre include le istruzione per i figli, accesso alle cure ed inclusione sociale e persino un supporto psicologico.

Andiamo quindi a vedere nel dettaglio la nostra guida al Reddito di cittadinanza requisiti, ISEE, a chi spetta e chi ne ha diritto, limiti di reddito per richiederlo e le ultime novità 2020.

Da leggere: Pensione di invalidità civile 2020: Ecco i requisiti che bisogna avere, Inps

Pagamento e tredicesima ultime novità:

L’INPS ha comunicato che i beneficiari di Reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza che hanno presentato la domanda nel mese di marzo, dovevano procedere ad integrare il modello dal 4 ottobre e fino al 21 ottobre 2019.

Quest’integrazione, è diventata necessaria dopo l’approvazione dei nuovi modelli di domanda dal primo aprile.

Coloro che sono interessati devono quindi aggiungere alla domanda precedentemente presentata, i dati successivamente inseriti nei moduli da compilare per la richiesta.

Per chi invece ha presentato la domanda successivamente ecco quando arriva la ricarica Reddito di cittadinanza pagamento dicembre 2019: il pagamento ricarica arriva entro il 23 dicembre.

I nuovi pagamenti vengono inviati a partire dal 15 gennaio alle Poste che ne cureranno la distribuzione nelle card con già accreditata la somma spettante di RdC.

Reddito di cittadinanza novità 2020: Quali sono?

Con l’approvazione del decreto Crescita sono arrivate due novità RdC, già in vigore, che ha previsto delle modifiche per il reddito di cittadinanza Isee già in vigore.

1) La prima novità riguarda le nuove cause per richiedere l’Isee:

  • avviene se uno dei componenti della famiglia perde il lavoro;
  • se uno dei componenti della famiglia perde un trattamento assistenziale, previdenziale o indennitario esente da Irpef;
  • oppure se c’è una riduzione dei redditi del 25%, un’eventualità che può ricorrere in numerosi casi.

Con questa modifica si consente ai neo disoccupati di richiedere subito il RdC.

2) La seconda novità decreto Crescita riguarda il calcolo dell’ISEE.

Si introduce sempre dal 1° gennaio 2020, la cd. doppia opzione di calcolo ISEE.

Ciò significa che il calcolo dell’Isee ordinario potrà essere effettuato in base ai redditi di due anni precedenti o dell’anno precedente.

La nuova norma quindi risolve il problema per i richiedenti di Reddito di cittadinanza che risultavano occupati nel 2017 ma disoccupati nel 2018 e che pertanto erano esclusi dal beneficio perché l’ISEE 2019. Infatti prendeva come riferimento solo i redditi e patrimoni del 2017.

3) La terza novità riguarda il Reddito di cittadinanza Legge di Bilancio 2020:

Con la nuova Legge di Bilancio 2020, hanno confermato che il Reddito di cittadinanza 2020 ci sarà ma forse con delle modifiche alla normativa.

Tra le modifiche del governo Conte bis c’è:

  • La sospensione temporanea del sussidio qualora vi fosse l’instaurazione di contratti a termine brevi.
  • Il sussidio RdC verrebbe, pertanto, sospeso per tutta la durata del contratto e poi ripreso al termine dell’esperienza lavorativa..
  • Sanzioni reddito di cittadinanza 2020 più severe per chi non si presenta alle iniziative di orientamento.

Viste le ultimissime novità 2020 andiamo ora a vedere nel dettaglio il reddito di cittadinanza 2019, i requisiti ISEE, come funziona e chi può riceverlo mentre se sei già beneficiario del nuovo aiuto statale e stai aspettando la ricarica della Carta.

Da leggere: Novità legge di bilancio: pensione 2020

Cos’è il Reddito di cittadinanza 2020?

Il reddito di cittadinanza 2020 è una nuova misura contro la povertà proposta dal Movimento 5 Stelle e che ora con l’entrata in vigore dell’emendamento reddito di cittadinanza in Legge di Bilancio 2019, è diventato realtà.

L’obiettivo è quello di sostenere, non solo economicamente, le persone che:

  • hanno perso il lavoro involontariamente;
  • non hanno un reddito;
  • hanno un reddito da lavoro ma ce l’hanno troppo basso per vivere dignitosamente.

Per chi è pensionato, spetta invece la pensione di cittadinanza.

Ma esattamente Il reddito di cittadinanza 2020 che cos’è?

E’ un sostegno economico chiamato anche il reddito di base o reddito minimo che insieme alla pensione di cittadinanza prevede l’erogazione tramite INPS, di un importo massimo di 780 euro, soglia di povertà stabilita dall’ISTAT, per tutti i cittadini che hanno un basso reddito, ed in questo caso spetta un’integrazione, o che non hanno un reddito ed in questi casi spetta la misura intera.

Per ottenere e mantenere l’RdC, il beneficiario e la famiglia deve rispettare delle regole precise che vanno, dallo svolgere lavori socialmente utili per il Comune a quello di ricercare attivamente un lavoro per almeno 2 ore al giorno.

Differenze Reddito di cittadinanza e Pensione di cittadinanza:

In pratica, secondo la guida al Reddito di Cittadinanza dell’Inps, le regole della PdC sono le stesse del Rdc ma invece che essere destinate alle persone in età lavorativa, si rivolgono alle famiglie di anziani in difficoltà economica.

Per ottenere la pensione di cittadinanza basta quindi presentare la domanda, qualora vi siano tutti i requisiti di accesso e attendere le verifiche dell’Inps.

In caso di riconoscimento dell’aiuto, sarà erogata la PdC le cui modalità di erogazione, saranno poi definite in sede di conversione del decreto istitutivo.

Vi ricordiamo però che per avere diritto alla pensione di cittadinanza tutti i componenti del nucleo familiare e non solo il richiedente, devono avere età pari o superiore a 67 anni.

Reddito di cittadinanza 2020 requisiti ISEE: a chi spetta?

Quali sono i nuovi requisiti per ottenere il Reddito di cittadinanza:

  • Cittadini italiani;
  • Cittadini dell’Unione Europea
  • Stranieri lungo soggiornanti CE;
  • Stranieri titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente, familiari di un cittadino italiano o dell’Unione Europea.

Il richiedente deve comunque essere residente in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 anni in modo continuativo.

Chi ne ha diritto?

  • disoccupati;
  • inoccupati;
  • ha chi ha un reddito da lavoro sotto la soglia di povertà ISTAT, 780 euro netti al mese.

Requisiti ISEE 2020 limite di reddito:

  • Il limite di reddito Isee deve essere inferiore a 9360 euro;
  • Reddito familiare Isee: per chi è solo il limite massimo è pari a 6000 euro, mentre per la Pensione di cittadinanza è pari a 7560 euro.
  • Il limite del reddito familiare è parametro in funzione alla Scala di equivalenza e cioè al numero di componenti del nucleo familiare.
  • Limite di reddito mobiliare ai fini Isee: fino a 6 mila euro, aumentato a 10 mila euro per i nucleo di 3 persone + ulteriori 1000 euro per ogni figlio successivo al secondo, più altri 5 mila euro per ogni componente con disabilità.
  • Il Limite reddito immobiliare Isee: 30.000 euro, ad esclusione della prima casa di abitazione.

Calcolo Reddito di cittadinanza 2020:

  • 1 componente: 500 euro + 280 contributo affitto (o 150 euro di contributo mutuo) = 780 euro;
  • 2 componenti: 1 adulto + figlio minorenne: 700 euro + 280 euro affitto = 980 euro; 600 euro + 280 euro affitto = 880 euro.
  • 3 persone: 900 euro + 280 euro = 1180 euro.
  • 4 persone:1050 euro + 280 euro = 1330 euro.
  • 5 persone:1050 euro + 280 euro = 1330 euro.

Per maggiore sicurezza riguardante il vostro specifico caso famigliare verificare il simulatore RdC disponibile sul sito dell’Inps.

Da leggere: Modello 730/2020: Novità, da chi e quando deve essere fatto?

Reddito di cittadinanza cosa si può comprare?

I beneficiari del Reddito di cittadinanza che ricevono la Carta Reddito di cittadinanza possono utilizzarla per le seguenti spese:

  • Sarà possibile effettuare prelievi in contanti presso gli sportelli automatici (ATM) postali e bancari in Italia per un massimo di 100 euro per chi è single, e fino a 250 euro per le famiglie più numerose.
  • si potranno acquistare di beni e servizi di base tramite POS presso gli esercizi commerciali in Italia convenzionati con il circuito Mastercard, per le spese ammesse dalla normativa.
  • pagare le bollette delle utenze di luce e gas presso gli Uffici Postali.
  • richiedere il bonus luce e gas.
  • effettuare presso gli uffici di Poste italiane, un bonifico SEPA o un postagiro mensile in caso di locazione o di mutuo. Il costo della commissione è rispettivamente pari ad 1 euro e 0,50 euro.

Per conoscere il saldo e la lista movimenti della Carta Rdc Poste italiane:

  • presso gli ATM Postamat
  • tramite il servizio di lettura telefonica disponibile al numero verde 800.666.888 gratuito da telefono fisso e mobile.
  • accedendo al sito www.redditodicittadinanza.gov.it

Con la carta Reddito di cittadinanza NON è possibile:

  • effettuare pagamenti su siti di e-commerce;
  • utilizzare il beneficio per giochi che prevedono vincite in denaro o altre utilità;
  • effettuare operazioni di pagamento e di prelievo al di fuori dell’Italia.
I nostri visitatori hanno letto anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Lina F.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Art 3

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker