Attaulità e NewsCoronavirus (COVID-19) News

Nuova autocertificazione digitale: Ecco le nuove regole per spostarsi

Nuova autocertificazione digitale – Ieri si è riunita la task force guidata da Vincenzo Colao, stanno studiando una pratica delle misure al fine di una riapertura del paese. Le ipotesi sono ufficialmente sul tavolo. Inoltre potrebbe arrivare anche un app per l’autocertificazione.

Quest’autocertificazione potrebbe molto presto diventare digitale. A scriverlo è stato proprio oggi il Messaggero. Parlando di un’app che è in grado di poter lasciare i fogli stampati, già cambiati in varie versioni introducendo la tecnologia ancora una volta.

Nel frattempo, si pensa anche sulla ripresa del Paese, dopo l’emergenza della pandemia del Coronavirus. Ovvero i vari orari del lavoro, dispositivi di protezione e uscite scaglionate che potrebbero essere le strategie che verranno messe in atto.

Questo sarà forse il piano che la task force guidata da Vittorio Colao, sta cercando di adottare per poter riaprire il paese entro il prossimo 4 maggio.

Oltre tutti gli strumenti di cui disponiamo, tra cui mascherine e tamponi, spunterà magari un’app per consentire il tracciamento dei cellulari.

Da leggere: Bonus figli fino a 14 anni: Ecco come fare la richiesta!

La nuova app per autocertificazione digitale:

Per essere in grado di tracciare gli spostamenti degli italiani, la task force potrebbe proporre l’utilizzo di una nuova applicazione per l’autocertificazione digitale, che contiene i dati dei cittadini.

Potrebbe essersi creato, come riporta il Corriere della Sera , un archivio telematico in sostituzione dell’autocertificazione. I cittadini potranno scaricare un’app, dove saranno in grado di inserire i dati e la propria situazione sanitaria, specificando se sono stati sottoposti al test sierologico o al tampone.

Di questa maniera, dunque, i cittadini dovrebbero essere divisi per le loro fasce d’età. Il download dell’app, che potrebbe anche divulgarsi in tutta  Europa, dovrebbe essere volontario.

Attraverso Bluetooth, l’apparecchio dovrebbe essere in grado di rilevare gli incontri delle persone e avvisare i cittadini, nel caso di positività di un individuo nelle vicinanze, senza indicare i dati.

Da leggere: UnipolSai rimborsa le assicurazioni auto: Come fare la domanda!

Presenze alternate e misure di protezione:

Il riaprirsi delle varie attività potrebbe avvenire a scaglioni, con possibile lavoro alternato. Le aziende, cioè, dovranno attivare nel miglior modo se possibile, lo smart working. Mentre chi si vedrà obbligato a tornare in sede dovrà farlo su vari turni.

Di seguito, dovremo rispettare il distanziamento sociale di almeno un metro. Ed anche le postazioni degli uffici dovranno garantirlo, rendendo lo spazio molto più ampio.

Le limitazioni potrebbero interessare inoltre anche i negozi, con code per fare acquisti e ingressi scaglionati.

Per quanto riguarda i bar e i ristoranti c’è la speranza che potrebbero riaprire, ma solo garantendo la distanza tra i tavoli e accogliendo clienti solo con appuntamento.

Oltre alle misure adottate, su cui stanno ragionando gli esperti, per dopo l’emergenza potrebbe essere necessario continuare ad indossare guanti e mascherine.

Sono tutte misure di cui si tornerà a discutere anche oggi, quando la stessa task force, si riunirà in videoconferenza, per parlare della ripartenza del Paese.

Oggi, gli esperti potrebbero iniziare a mettere nero su bianco le prime proposte ipotizzate in questi giorni.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Lina F.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Art 3

Articoli Correlati

4 Commenti

  1. No app. Potresti venire contagiato e non potrebbero avvisarti di questa possibile realtà. No app. No cura libero di morire molto intelligente complimenti
    Io renderei obbligatorio usare la app per il bene di tutti chi non la userà non sarà curato. Ma non è possibile purtroppo anche i dissenzienti e gli ignoranti vanno curati a danno degli innocenti che pagheranno. Riflettete prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker