Documenti e moduli

6 tipi di divorzio legali in Italia: Quali sono e cosa li caratterizza?

Ci sono 6 tipi di divorzio legali in Italia e in questa breve guida vediamo insieme quali sono queste tipologie di divorzio e tanto altro ancora.

6 tipi di divorzio legali in Italia:

Nell’elenco dei 6 tipi di divorzio legali in Italia, ritroviamo:

  • Divorzio diretto: I coniugi si presentano di comune accordo davanti al presidente del Tribunale chiedendo la cessazione degli effetti del matrimonio. Questa tipologia è valida solo se la coppia non abbia figli minori, o maggiorenni affetti da handicap o sotto i 25 anni anni ma automaticamente autosufficienti.
  • Divorzio Breve: Se si hanno figli minori, o maggiorenni affetti da handicap o sotto i 25 anni anni ma non automaticamente autosufficienti. il tempo necessario per la cessazione degli effetti del matrimonio dovrà sottostare a un’attesa di:1) un anno in caso vi sia stata prima la separazione non consensuale (giudiziale)2) sei mesi in caso di separazione consensuale.
  • Divorzio in Comune: Può avvenire solo se la coppia non ha figli e se l’accordo non comporta trasferimenti di tipo patrimoniale.
  • Negoziazione assistita: Viene effettuato dagli avvocati nel proprio studio e poi trasmesso in tribunale. Rispetto al ricorso in tribunale tradizionale può essere più celere, ma gli avvocati andranno pagati ugualmente. Ogni parte deve avere per forza il proprio legale.
  • Divorzio consensuale in Tribunale: Quando le parti raggiungono un accordo possono farlo omologare dal tribunale, attraverso il patrocinio dei rispettivi difensori.
  • Divorzio giudiziale: Avviene quando le parti non trovano un accordo sulle condizioni di divorzio e, quindi, lasciano che a decidere sia il giudice.
Da leggere:  Unilav 2020 significato, vediamo nello specifico!

Dove è possibile separarsi o divorziare per cittadini stranieri residenti in Italia:

I cittadini stranieri residenti in Italia, stante la disciplina del Regolamento dell’Unione Europea numero 1259 del 2010, potranno attivare la procedura per la separazione o il divorzio in Italia.

La procedura seguirà lo stesso iter di quella per i cittadini italiani: potrà essere di separazione e divorzio giudiziali o di separazione consensuale o divorzio congiunto.

Il divorzio può comportare la revoca del Permesso per motivi familiari?

L’art. 30 comma 1 bis, inserito dalla legge Bossi Fini, prevede che in caso di matrimonio con cittadino/a italiana è immediatamente revocato qualora sia accertato che al matrimonio non è seguita effettiva convivenza, salvo che dal matrimonio sia nata prole.

l titolo di soggiorno rilasciato per ragioni familiari, così come tutti i titoli di soggiorno il cui rilascio sia derivato da un rapporto familiare, ha come premessa fondamentale la convivenza.

Questo principio è implicito nella stessa natura del permesso, il cui rilascio e rinnovo dipendono dalla sussistenza e dalla continuità dei vincoli affettivi e parentali propri del nucleo familiare.

Quando queste condizioni terminano, vengono meno anche i presupposti che potremmo definire le basi del permesso, e la ripercussione nei confronti del cittadino extracomunitario può essere il mancato rilascio o la revoca del titolo.

Se viene meno la convivenza, essenziale per la conservazione del Permesso per motivi familiari, viene meno lo stesso presupposto che ne comporta il possesso, legittimando l’Autorità ad effettuarne la revoca.

Da leggere:  Autocertificazione nel nuovo Dpcm: Come e quando usarla

In caso di divorzio il coniuge che si è separato può richiedere un altro permesso?

Il Testo Unico sull’immigrazione, infatti, permette allo straniero che si trovi in fase di separazione di trasformare il proprio Permesso per motivi familiari in un permesso di altro tipo (articolo 30 comma 5 T.U.).

La norma stabilisce che in caso di separazione legale o di annullamento del matrimonio il permesso di soggiorno possa diventare un permesso per lavoro subordinato, per lavoro autonomo o per studio.
Cordialmente.

Separazione tra cittadino italiano e straniero: Cosa succede in questi casi?

Separazione tra cittadino italiano e straniero

Poiché si tratta di matrimonio tra cittadino cittadino italiano e cittadino straniero; in caso di separazione viene applicato il regolamento UE N. 1259/2010.

Questo regolamento europeo permette di semplificare la procedura di Separazione tra cittadino italiano e straniero.

Se il coniuge straniero è irreperibile, in questi caso dopo la pronuncia della sentenza di separazione.

L’ufficiale giudiziario provvederà al deposito di copia dell’atto presso la casa comunale dell’ultima residenza nota del destinatario.

Cosa succede alla mia cittadinanza italiana in caso di divorzio?

La Separazione tra cittadino italiano e straniero non comporta la perdita della cittadinanza italiana.

Quest’ultima non può essere ritirata al coniuge straniero che l’ha ottenuto in seguito al matrimonio se è già stato rilasciato il decreto di concessione da parte del Ministero dell’interno.

Da leggere:  Passaggio macchina con ricevuta permesso di soggiorno: è possibile farlo?

Non la si ottiene quando prima dell’emanazione del decreto sia già avvenuto lo scioglimento o l’annullamento delle nozze civili.

I documenti necessari per la separazione o il divorzio di cittadini stranieri residenti in Italia

Saranno necessari:

  • La copia dell’atto integrale di matrimonio, da richiedersi presso l’ufficio Stato Civile del Comune in cui il matrimonio è stato trascritto.
  • I certificati contestuali di residenza e Stato di Famiglia di ciascun coniuge, da richiedersi presso l’ufficio anagrafe del Comune di residenza di ciascun coniuge.
  • In caso di divorzio, la copia autentica del verbale di separazione consensuale con il relativo decreto di omologa oppure della sentenza di separazione giudiziale con la relativa attestazione che la stessa sia passata in giudicato. Tali documenti possono richiedersi presso la Cancelleria del Tribunale che ha pronunciato i relativi provvedimenti.
  • Le dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni di ciascun coniuge.
  • Copia dei documenti di identità e dei codici fiscali di ciascun coniuge.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.