Economia

Reddito di emergenza 400 euro in più: ecco come richiederlo!

In seguito all’approvazione parlamentare, per poter aggiungere al reddito di emergenza altri 400 euro in più, saranno aggiunti 20 miliardi per il decreto cura Italia e 55 miliardi previsti per il decreto rilancio.

Grazie ai decreti Cura Italia e decreto Rilancio è introdotto il reddito di emergenza che porta ad una serie di novità sugli incentivi economici.

L’obbiettivo del REM è di poter aiutare la crisi economica che ha colpito il paese durante il lockdown e di aiutare le famiglie che stanno in difficoltà.

Dal mese di agosto sarà discussione centrale il decreto agosto per provvedere ad eventuali ulteriori indicazioni ma anche a proroghe di vari bonus.

Le bozze che sono previsti dal decreto agosto, vi è una proroga del REM. Così le famiglie che abbiano i requisiti possono ricevere un ulteriore sostegno fino a 400 euro.

Leggi anche: Reddito di emergenza pagamenti agosto ed altri bonus

Cosa è il reddito di emergenza 400 euro?

Il REM consiste in dei aiuti monetari che introducono dai decreti per far fronte all’emergenza coronavirus e tutte i nuclei familiari in difficoltà a causa di ciò.

Il reddito è un sussidio che viene riconosciuto all’intera famiglia. Ma anche ad una sola persona cittadina italiana, l’essenziale che abbiano i requisiti previsti  dagli articoli 82, comma 2,3,6.

Da leggere:  Multe sotto i 1.000 euro: non si pagano multe stradali e bollo auto

Il REM, come spiegato precedentemente, è un aiuto economico che viene dato in due mesi dopo che un membro della famiglia presenti la domanda di richiesta.

Leggi anche: Reddito di emergenza prorogato al 15 settembre!

REM: Come fare la domanda?

Chi ha inviato la domanda prima del 31 maggio 2020, i mesi di accredito per il reddito di emergenza sono stati dati alle famiglie per i periodi di maggio e giungo.

Per coloro, invece, che hanno fatto la richiesta nel mese di giugno, avranno avuto il sussidio nei mesi di giugno e luglio del 2020.

Precisiamo che il Reddito di emergenza non può essere compatibile con altri sussidi destinati a lavoratori previsti dei decreti-leggi n.18 e n.34 anche se ad averlo è solo un componente della famiglia.

Il reddito non può essere anche compatibile nei casi dove almeno uno dei membri della famiglia abbia:

  • Pensione diretta (ex) o indiretta;
  • Assegno ordinario di invalidità;
  • Reddito di cittadinanza;
  • Pensioni di cittadinanza.

Non possono usufruire del REM neanche le famiglie che abbiano un componente di loro che sia lavoratore e che abbia una retribuzione lorda più alta del reddito massimo familiare.

Ricordiamo che la somma totale del reddito non può essere superiore a 800 euro per ogni mese.

Tranne nei casi di gravi disabilità o non autosufficienti che riceveranno un importo di 840 euro.

Leggi anche: Reddito di emergenza è decisivo: Eccolo all’interno del Decreto Agosto

Quali sono i requisiti richiesti per ottenere il REM:

Il REM può essere dato solo ai nuclei familiari che abbiano i requisiti richiesti, ovvero, fare la dichiarazione sostitutiva unica ai fini ISEE (non sarà presa in considerazione l’attestato ISEE per nuclei familiari ristretti).

È opportuno che la famiglia risieda in Italia quando verrà fatta la domanda e che abbiano il reddito inferiore alla somma pari della totalità ricevuta.

Il patrimonio della famiglia deve essere, però, sotto i 10.000 euro e potrà essere aumentata solo di 5.000 euro per ogni componente.

Nel decreto agosto, sarà inserita una proroga del REM, per cui ogni famiglia potrà ricevere un terzo sussidio di 400 euro. La prossima scadenza per fare la richiesta è entro il 15 ottobre 2020.

Per poter fare la richiesta sarà necessario farla tramite il sito dell’INPS accedendo al portale online o anche tramite il CAF e i patronati.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Da leggere:  Come ottenere il Bonus IRPEF 480 euro in busta paga

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.