Attaulità e NewsCoronavirus (COVID-19) News

Nuovo decreto Conte: cosa si può fare dopo le ore 18?

Con il nuovo decreto Conte, sono state vietate e sospese alcune attività dopo le ore 18:00, vediamo cosa prevede il nuovo decreto che ebbe inizio dal 26 ottobre 2020.

Moltissimi italiani si pongono la domanda di cosa si possa fare o meno dopo le ore 18:00 a seguito della pubblicazione del nuovo decreto Conte.

Lo scopo del nuovo decreto Conte è quello di diminuire le attività che la popolazione italiana può effettuare.

Principalmente si cerca di ridurre le uscite da casa a partire dalle ore 18:00 fino alle 5:00 del giorno dopo.

Avverranno le chiusure di cinema e teatri, ai quali si sono aggiunte anche palestre e piscine.

Nuovo decreto Conte: cosa si fa dopo 18?

Nuovo decreto Conte
Nuovo decreto Conte

Il 25 ottobre 2020 è stato emanato dal presidente del consiglio, Giuseppe Conte, il nuovo decreto e precisa anche che non vi è alcun coprifuoco.

Per cui, ai cittadini non è vietato uscire di casa o passeggiare dopo le ore 18:00.

È ovvio che rimane sempre consigliabile non muoversi al di fuori delle regioni solo in caso di vera necessità.

Ovvero, sono permessi gli spostamenti per motivi di lavoro, salute, formazione o per questioni non rinviabili.

Da leggere:  Assegni familiari arretrati: cosa sono e come funzionano?

I coprifuochi che rimangono “attivi” sono quelli che riguardano le regioni Lombardia, Campagna e Sicilia in cui non si può circolare dopo le 23:00.

Mentre nelle regioni Lazio e Calabria, il coprifuoco è a partire dalle ore 24:00

Precisiamo che per la regione Campagna, la nuova ordinanza ha vietato che si effettuano spostamenti tra le province fino al 31 ottobre 2020.

Ricordiamo che si può uscire dopo le 18:00 ma non per mangiare ai ristoranti o per aperitivi.

Concesso l’acquisto del cibo d’asporto ma non si può consumarlo presso i ristoranti o nelle vicinanze dei locali.

Non ci sono restrizioni riguardo a chi rientra dal lavoro o faccia semplicemente una corsa, ma si consiglia di effettuare più Smart working e didattica a distanza

Quali attività chiudono alle 18:00?

Tutti i ristoranti, bar, gelaterie e pasticcerie possono aprire dalle ore 5 fino alle ore 18:00.

Hai tavoli possono stare al massimo 4 persone e i conviventi possono stare fino ad un massimo di 6 persone.

A partire dalle 18 diventa vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici.

È permessa la ristorazione negli alberghi e nelle strutture ricettive per i clienti che risiedono nella struttura.

Rimarranno aperti le attività con distribuzione alimentare e bevande anche nelle aree di servizio.

Aperti anche i distributori di benzina che sono situati nelle autostrade, ospedali e aeroporti.

Da leggere:  Reddito di emergenza 2020: Confermato nel decreto di Maggio!

Rimangono aperti anche i parrucchieri e si precisa di evitare la visita tra amici.

Si può andare a fare la spesa al supermercato o nei negozi di alimentari senza limiti di orario.

Lo stesso vale per le farmacie e centri estetici e musei che non dovranno effettuare nessuna chiusura.

Emanati nuovo decreto e nuova ordinanza, ecco cosa si può fare e cosa no in Italia e in Campania

Il nuovo decreto Conte:

Nell’elenco a seguire, vediamo cosa cambia a seguito del nuovo decreto Conte che è in vigore dal 26 ottobre 2020 fino al 24 novembre 2020.

Saranno sospesi:

  • Piscine;
  • Centri natatori;
  • Centri termali;
  • Le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  • Gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto;
  • Impianti sciistici;
  • Restano sospese attività svolte in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso.

I divieti:

  • Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose;
  • Sono sospesi i convegni, i congressi e gli altri eventi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza.

Gli obblighi:

  • Dopo le 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico;
  • Obbligo di indossare la mascherina al chiuso e all’aperto ed è escluso dal divieto chi è malato di patologie e i bambini fino a 6 anni e chi svolge attività sportiva;
  • Nei locali devono esporre all’ingresso il numero massimo di persone consentite nei locali;
  • Le attività di ristorazione (tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), sono consentite dalle ore 5.00 fino alle 18.00.
Da leggere:  Acconti di novembre: chi potrà ottenere la proroga?

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.