Attaulità e NewsVARI ARGOMENTI

La sanatoria per stranieri irregolare in italia

Una sanatoria che consenta di regolarizzare tutti gli immigrati che attualmente lavorano in nero nel nostro Paese è strettamente neccessaria.

È giusto regolarizzare non solo le colf e le badanti impegnate dei lavori di cura per le famiglie con bambini, anziani e handicappati, ma tutti gli immigrati clandestini che lavorano e che gli stessi datori di lavoro vorrebbero regolarizzare.

La sanatoria è quindi necessaria non solo perché risponde alle richieste delle imprese, ma soprattutto perché è un giusto riconoscimento della dignità della persona, dei diritti civili degli immigrati, contro le discriminazioni e lo sfruttamento di lavoratori che pure contribuiscono al benessere del Paese.

Leggi anche: Permesso di soggiorno per motivi familiari: cos’è e come funziona?

Cos’è la sanatoria?

Con questo termine si intende una vasta gamma di provvedimenti e norme che ha l’effetto di accrescere la popolazione straniera regolare, facendo uscire dalla condizione di irregolarità una parte degli stranieri privi dei documenti necessari a risiedere in uno Stato nazionale.

Sinonimi sono regolarizzazione e emersione.

Tutti coloro che si autodenunciano nei termini e nei modi previsti dalla sanatoria emergono dal sommerso e ottengono il permesso di soggiorno.

Le sanatorie sono una costante delle politiche europee sull’immigrazione.

Con la sanatoria lo straniero è già presente in Italia senza un valido titolo di soggiorno quindi la sanatoria consente la regolarizzazione della posizione migratoria degli stranieri che si trovano in Italia senza un valido titolo di soggiorno.

Cosa succederebbe con una sanatoria per immigrati?

L’unico provvedimento che permetterebbe di accrescere la popolazione straniera regolare, facendo uscire dalla condizione di irregolarità una parte degli stranieri privi dei documenti necessari a risiedere in Italia.

Tutti coloro che si autodenunciano, nei termini e nei modi previsti dalla sanatoria immigrati, emergono dal sommerso e ottengono il permesso di soggiorno.

Le sanatorie sono una costante delle politiche europee sull’immigrazione.

L’Istat ha calcolato che nel corso degli anni ’90 più del 60% dell’incremento della presenza straniera regolare in Italia era dovuta all’esito di provvedimenti di sanatoria, dunque non di nuovi arrivi o di improvvise invasioni, ma della emersione di persone che già vivevano e lavoravano nel Paese da irregolari.

Leggi anche: Quanto tempo puoi stare fuori dall’italia senza perdere il permesso?

Quando c’è stata la prima sanatoria per immigrati?

A partire dagli anni ’80 ci sono state diverse sanatorie in Italia. In particolare, a ogni legge sull’immigrazione è seguita una regolarizzazione.

È accaduto nel 1986 (con la legge n.943), con la legge Martelli (la n.39 del 1990), nel 1995 (Decreto Dini), nel 1998 (legge 40 o Turco – Napolitano), nel 2002 (legge n. 189 o Bossi –Fini).

L’ultima è stata nel 2009, riservata a colf e badanti, in occasione della quale sono state presentate 300mila domande.

È stata una sanatoria di fatto o sanatoria mascherata anche quella del 2006, quando il decreto flussi estese la quota dagli iniziali 170 mila previsti a tutti i richiedenti il diritto di ottenere un permesso di soggiorno.

Si stima che un terzo degli immigrati regolari presenti oggi in Italia ha un passato da irregolare e sia stato ‘sanato’ da questo tipo di provvedimento.

Dal 1986 è passato da questa trafila oltre un milione e mezzo di persone, di cui 700 mila nel 2002 e 300 mila nel 2009.

Leggi anche: L’apostille: Di che cosa si tratta, a cosa serve e per cosa è applicato?

Immigrazione: la possibile svolta del governo giallo-rosso!

Non cambia solo il colore dell’esecutivo che passa dal giallo-verde al giallo-rosso o, come molti temono, rosso-rosso.

A cambiare, ovviamente, sarà l’indirizzo politico. Già è stato annunciato che il Pd darà un taglio netto con il governo precedente.

A cominciare dal tema dell’immigrazione incontrollata a cui l’ormai ex ministro Salvini ha cercato di porre un argine opponendosi ai grandi sostenitori che volevano più sbarchi e meno respingimenti.

Sul tema immigrazione, il possibile governo Movimento 5 stellePartito democratico ha due possibilità: sfidare il “salvinismo” in Parlamento con una riforma legislativa che mostri agli italiani come il benessere degli stranieri nel nostro paese e quello dei cittadini non siano tra loro alternativi; o limitarsi, più modestamente, ad adottare misure di carattere amministrativo che non mettano a repentaglio la sopravvivenza della maggioranza chiamata a sostenerlo.

Leggi anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comInstagram per ulteriori aggiornamenti ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Portale immigrazione

Attraverso questo sito e questo profilo "Portale Immigrazione", vogliamo mantenervi aggiornati sul tema dell'immigrazione, della cittadinanza italiana e dell'integrazione degli stranieri all'interno della nostra società italiana ♥.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker