Attaulità e News

Il decreto Di Maio-Bonafede: Rimpatri più veloci verso 13 Paesi!

Il decreto Di Maio – Migranti, si cambia. E il governo giallo rosso punta sui rimpatri. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede hanno presentato un decreto sul dossier-migranti.

In sostanza si tratta di una stretta sui rimpatri, allargando e certificando nuovamente la lista dei Paesi sicuri e accelerando le procedure sul territorio italiano.

Essendo un decreto ministeriale, non passerà dal via libera del Consiglio dei ministri.

Di Maio: con decreto riduciamo a 4 mesi tempi rimpatri:

“E’ stato un lavoro di squadra: ringrazio Bonafede, Conte e Lamorgese perché noi stamattina firmiamo il decreto ministeriale che ci permette di portare le misure per stabilire se un migrante può stare in Italia da due anni a 4 mesi”, ha detto Di Maio.

“Presentiamo un decreto che non urla ma fa i fatti”. Si tratta solo del “primo step del nostro piano per i rimpatri sicuri”. “Negli ultimi quattordici mesi è stato tutto fermo sui rimpatri, siamo ancora all’anno zero. Non credo che la redistribuzione sia la soluzione definitiva” ma “lo step importante è fermare le partenze”.

13 i Paesi interessati dal decreto rimpatri:

I Paesi inseriti nel nuovo decreto interministeriale che prevede di accorciare i tempi per i rimpatri dei migranti sono: Algeria, Marocco, Tunisia, Albania, Bosnia, Capo Verde, Ghana, Kosovo, Macedonia del Nord, Montenegro, Senegal, Serbia e Ucraina.

Sui circa 7.000 arrivi di quest’anno, ha spiegato Di Maio, “oltre un terzo appartengono a uno di questi Paesi. Per molte di queste persone dobbiamo attendere due anni ora per oltre un terzo degli arrivi acceleriamo le procedure”.

“I Paesi che sono in questo decreto sono i Paesi che abbiamo individuato dopo il lavoro dei nostri ministeri”, ha aggiunto spiegando che con alcuni di essi, come il Marocco, ci sono già accordi in essere ma che finora non sono stati implementati. “E’ solo il primo step – ha ribadito – la lista potrà essere aggiornata in seguito con altri Paesi”.

Per completare gli accordi, ha detto ancora, sarà fondamentale il ruolo della cooperazione allo sviluppo. Nelle prossime settimane, ha concluso, “farò vari viaggi in alcuni di questi Paesi per riuscire ad accelerare le procedure di rimpatrio”.

Quanto costerà questo decreto di rimpatri?

“Il fondo rimpatri, che può arrivare fino a 50 milioni di euro, non è il fondo che ci serve per pagare le spese di rimpatrio ma il fondo che ci permette di implementare gli accordi attraverso i progetti di cooperazione allo sviluppo”, ha spiegato Di Maio precisando che “oggi il fondo dispone di cifre irrisorie, 2-4 milioni di euro, ma può arrivare fino a 50 milioni”.

Poi ha annunciato che “non ci sono oneri di spesa per la semplice ragione che questo tipo di decreto inverte l’onere della prova”.

Ha anche promesso: “Per tutti i casi in cui si dovessero verificare discriminazioni la nostra costituzione, le nostre leggi tutelano i diritti dell’individuo. Verificheremo con le nostre strutture che non ci siano violazioni dei diritti dell’individuo”.

Infine un cenno al decreto sicurezza bis: “Non c’è nessuna volontà di mettere in contrapposizione questo decreto ad altri provvedimenti.

Per quanto riguarda quelle normative c’erano osservazioni del presidente della Repubblica che andranno recepite ma non riguardano questo genere di decreti”.

Leggi anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comInstagram per ulteriori aggiornamenti ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Portale immigrazione

Attraverso questo sito e questo profilo "Portale Immigrazione", vogliamo mantenervi aggiornati sul tema dell'immigrazione, della cittadinanza italiana e dell'integrazione degli stranieri all'interno della nostra società italiana ♥.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker