BonusDocumenti e moduli

Buoni pasto e permessi per allattamento: Quando sono compatibili

Sei una mamma lavoratrice? Ti sei mai chiesta quando sono compatibili i buoni pasto e permessi per allattamento? In questa breve guida vediamo insieme cosa stabilisce la legge n materia!

Ma prima vediamo insieme cosa sono i buoni pasto e i permessi per allattamento!

Buoni pasto: Cosa sono?

I lavoratori che non intendono usufruire del servizio mensa, possono usufruire dei buoni mesa. Si tratta di un servizio sostitutivo di mesa, di importo pari al valore facciale del buono.

Esistono due tipologie di buoni pasto:

  • Quelli cartacei => retribuzione imponibile pari a 5,29 euro
  • Quelli elettronici => retribuzione imponibile pari a 7 euro

Entrambi godono di esenzione fiscale diverse.

Generalmente i buoni pasto e mensa spettano a tutti i lavoratori dipendenti che sono assunti con un contratto collettivo/ individuale in cui è riconosciuto tale diritto.

Permessi per allattamento: Di che cosa si tratta?

La legge prevede il diritto della lavoratrice neo-mamma ad assentarsi dal lavoro per un certo numero di ore al giorno per l’allattamento del neonato.

I permessi per allattamento sono permessi orari retribuiti che permettono di allontanarsi dal posto di lavoro e accudire il proprio figlio pur mantenendo comunque il diritto alla retribuzione.

Da leggere:  Bonus libri 2020 Come richiederlo? | Stranieri d'Italia

La domanda di fruizione dell’indennità per permessi per allattamento deve essere presentata dalla lavoratrice prima dell’inizio del periodo di riposo giornaliero richiesto.

La domanda deve essere fatta esclusivamente al datore di lavoro, con l’eccezione delle lavoratrici per le quali l’indennità viene pagata direttamente dall’Inps.

Ora che abbiamo capito di che cosa parliamo, vediamo insieme se i Buoni pasto e permessi per allattamento sono compatibili o meno.

Leggi di più qui: Permesso di allattamento 2022: Tutto ciò che devi sapere!

Buoni pasto e permessi per allattamento: Quando sono compatibili

Ad esprimersi in materia è stata la corte di cassazione, con la sentenza n. 31137 del 28 novembre 2019.

La fattispecie riguardava una dipendente dell’Agenzia delle Dogane, la quale richiedeva il pagamento dei buoni pasto anche per i giorni in cui aveva fruito dei permessi per allattamento.

Sul punto, i giudici di legittimità hanno stabilito che i due istituti sono compatibili esclusivamente nel caso in cui:

  • La prestazione lavorativa abbia una durata superiore alle 6 ore;
  • Le ore di permesso non rientrino assolutamente nel computo delle 6 ore ai fini del godimento di tale buono che ha natura assistenziale e non retributiva.

I buoni pasto e permessi per allattamento non sono invece compatibili quando, la lavoratrice effettua meno di 6 ore effettive di lavoro, probabilmente uscendo prima della pausa pranzo, senza poi riprendere l’attività lavorativa.

Da leggere:  Differenza tra certificato di residenza e storico di residenza

Ti invitiamo a guardare questo  video che ti farà sapere le 5 cose che dovresti assolutamente sapere sui Buoni Pasto

Buoni Pasto: le 5 cose che dovresti assolutamente sapere

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.