Documenti e moduli

Dichiarazione di ospitalità 2022 per stranieri (cos’è e come funziona)

La dichiarazione di ospitalità 2022 è un documento importante per lo straniero che vuole venire in Italia e che dovrà consegnarlo al consolato italiano  del proprio Paese così da poter ottenere il visto turistico.

Inoltre è importante anche per il cittadino extracomunitario che vive già in Italia per poter rinnovare il permesso di soggiorno.

 Cos’è e come funziona la dichiarazione di ospitalità 2022?

La dichiarazione di ospitalità 2022 è un documento nel quale lo straniero dimostra di avere un posto dove alloggiare una volta giunto in Italia.

Questa garanzia è obbligatoria in caso di:

  • Turismo, quindi soggiorno di breve durata, per cui è necessario solo il visto turistico.
  • Rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno, quindi per soggiorni di una durata più lunga.

Potrebbe interessarti anche: Come rinnovare il permesso di soggiorno? Guida completa 2020

Il posto dove lo straniero può alloggiare può essere:

  • Un albergo, un hotel, un b&b o altra struttura ricettiva (qualsiasi sistemazione dove un turista può trovare sistemazione per la notte). In questo caso lo straniero deve presentare la ricevuta di prenotazione al consolato italiano del suo Paese che poi gli rilascia il visto turistico.
  • Una casa di un privato. Per questo il proprietario o l’inquilino di questa casa deve rilasciare allo straniero una dichiarazione di ospitalità 2022 con una fotocopia di un documento di identità. Una volta ricevuto il documento lo straniero presenta il documento al consolato italiano del suo Paese che poi provvederà a rilasciare il visto turistico.
Da leggere:  Cosa succede se non aggiorno l'anagrafe del cambio residenza

La ricevuta di prenotazione o la dichiarazione di ospitalità sono garanzie necessarie anche se lo straniero arriva da un Paese che gli consente di entrare in Italia senza visto. In questo caso il documento non è necessario presentarlo al consolato italiano ma alla frontiera per dimostrare di avere un posto dove stare in Italia.

Ulteriori garanzie:

In alcuni casi il consolato italiano potrebbe richiedere altri documenti come:

  • La stipula di una fidejussione bancaria se per esempio lo straniero non ha reddito/patrimonio o mezzi per vivere insufficienti;
  • Un’assicurazione sanitaria che garantisca le eventuali spese mediche in Italia.

Potrebbe interessarti ancheFideiussione bancaria: tutto quello che devi sapere!

Come presentare la dichiarazione di ospitalità 2022?

Per cittadini extracomunitari:

L’ospitante deve fornire al cittadino extracomunitario una dichiarazione di ospitalità  con i seguenti dati :

  • Dati del dichiarante ( nome e cognome, data e luogo di nascita, residenza);
  • Dichiarazione di fornitura di alloggio;
  • Dati del cittadino extracomunitario ospitato;
  • La dichiarazione che si è proprietari o affittuari dell’immobile;
  • Firma del dichiarante.

In allegato serve:

  1. Fotocopia del documento d’identità.
  2. Fotocopia dell’atto di proprietà o del contratto di locazione dell’immobile.

La dichiarazione di ospitalità serve se sei cittadino extracomunitario che chiede o il visto turistico per l’Italia e consegnarlo al consolato o per il permesso di soggiorno da consegnare al consolato, se invece è un rinnovo del permesso di soggiorno allora bisogna consegnarlo in questura.

Da leggere:  Contestare il rifiuto della cittadinanza italiana: Come fare?

Per cittadini italiani:

Se ad ospitare qualcuno  si è un cittadino italiano bisogna darne comunicazione alla Polizia Locale (Questura) se:

  • Se si sta ospitando uno straniero o apolide (persone immigrate senza una cittadinanza di qualsiasi paese).
  • Se si sta ospitando un cittadino italiano, in questo caso la comunicazione è necessaria solo se il soggiorno nella propria abitazione dura più di 30 giorni altrimenti non serve.

Per detenuti:

Se si deve scontare una pena definitiva e se ci sono le condizioni adeguate si può usufruire delle misure alternative (Art. 47-45 L.354/7); in questo modo lo stato permette di reintegrarsi nella società.

Una delle misure alternative più richieste è la detenzione domiciliare.

Per la detenzione domiciliare, chiamata anche “arresti domiciliari”, bisogna:

  • Presentare, tramite avvocate, una richiesta al Tribunale di Sorveglianza competente.
  • Allegare alla richiesta al Tribunale anche una dichiarazione di ospitalità della persona che ospita (se non si ha una propria casa)
  • Allegare inoltre lo stato di famiglia del nucleo ospitante ed eventualmente i certificati penali e carichi pendenti di ogni componente ( sarà il legale a decidere se è necessario o meno questo tipo di certificato).

Il giudici competente che riceve la richiesta decide se accettare o meno controllando precedenti penali o collegamenti alla criminalità di colui che dovrebbe ospitare.

Inoltre in futuro è possibile anche cambiare il luogo dove scontare i domiciliari ovviamente se non ci sono che lo ostacolano.

Procedura se si ospita qualcuno nella propria proprietà:

Se si sta ospitando una persona nella propria abitazione bisogna darne comunicazione alla Polizia Locale.

La comunicazione è obbligatoria se:

  1. Si ospita uno straniero extracomunitario. Bisogna comunicarlo alla Polizia Locale anche se è per un solo giorno.
  2. Si ospita un cittadino italiano per più di 30 giorni.
Da leggere:  Certificato penale cittadinanza 14 anni

Di seguito è allegato il modello di comunicazione da scaricare, compilare e presentare alla Polizia.

Può essere presentata recandosi personalmente presso la Questura oppure può essere inviato tramite raccomandata A/R.

Clicca qui per scaricare il Modulo

La comunicazione deve essere consegnata o inviata entro 48 ore dall’arrivo dell’ospite.

Quali sanzioni possono esserci se non avviene la comunicazione?

In mancanza della comunicazione si può essere soggetti al pagamento di una multa che va da un minimo di 160 a un massimo di 1.100 Euro.

Domande più frequenti sulla dichiarazione di ospitalità per stranieri 2022:

Scadenza dichiarazione di ospitalità?

Nel caso di cittadino italiano, la dichiarazione di ospitalità da rendere entro 48 ore, va fatta solo qualora tale ospitalità si protragga per più di 30 giorni; per il cittadino straniero la cessione va fatta a prescindere dalla durata della sua permanenza presso il proprio immobile.

Cosa devo fare per ospitare un extracomunitario?

Se devi ospitare un cittadino extracomunitario, hai l’obbligo per legge di dare comunicazione all’Autorità entro 48 ore. A stabilirlo, l’Art. 7 del TUI (Testo Unico sull’Immigrazione), ovvero il decreto legislativo n. 286 del 1998.

Dove si richiede la dichiarazione di ospitalità?

Puoi presentarla recandoti di persona presso la Questura, oppure inviarla tramite raccomandata A/R. Devi consegnare o inviare la comunicazione entro 48 ore dall’arrivo dell’ospite.

Leggi anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.