Bonus

Bonus rottamazione tv, domande dal 23 agosto! Ecco come funziona

Il Bonus rottamazione tv consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto del nuovo televisore, fino a un massimo di 100 euro, che si ottiene rottamando apparecchi TV che non saranno più idonei ai nuovi standard tecnologici.

E’ quanto prevede il decreto del Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che contiene anche il modulo per richiedere l’incentivo da consegnare al rivenditore o in una isola ecologica autorizzata.

A chi spetta il Bonus rottamazione TV:

É rivolto a tutti i cittadini residenti in Italia senza limiti di ISEE, un requisito che lo differenzia dal precedente incentivo varato nel 2019 e riservato a cittadini con un ISEE non superiore ai 20.000 euro.

I due Bonus sono egualmente in vigore e sono pertanto cumulabili per l’acquisto di un solo apparecchio (e per una sola volta). L’importo del precedente Bonus è stato ridotto a 30 euro o al minor valore pari al prezzo di vendita se inferiore.

Requisiti per avere il bonus rottamazine televisore:

I requisiti da rispettare per poter ottenere il contributo sono i seguenti:

  • Residenza in Italia.
  • Si deve rottamare un TV acquistato prima del 22 dicembre 2018 in quanto non in grado di ricevere trasmissioni in codifica HEVC Main 10.
  • Si deve risultare in regola con il pagamento del Canone TV; sono esentati i cittadini di età pari o superiore ai 75 anni.
Da leggere:  Bonus affitto 2020: Come funziona la Legge di Bilancio 2020 novità

Modalità di rottamazione per avere il bonus tv:

Si può fare direttamente dove si acquista il nuovo televisore, consegnando il vecchio al rivenditore e ottenendo il bonus fino al 20% del costo comprensivo di Iva.

Il rivenditore si occuperà di smaltire il vecchio apparecchio e riscattare tramite compensazione il credito fiscale pari allo sconto applicato al cliente.

Più complessa, invece, la seconda modalità, che prevede che il cliente possa smaltire da solo il vecchio apparecchio in una discarica autorizzata. Un modulo certificherà l’avvenuta rottamazione in discarica.

Si deve anche specificare che il titolare è in regola con il pagamento del canone Rai e che è stato rottamato un televisore non conforme ai nuovi standard.

Il calendario regionali per il bonus rottamazione tv:

Il provvedimento prevede che a partire dal 15 ottobre 2021 alcuni programmi nazionali verranno trasmessi esclusivamente con la codifica DVBT/MPEG4.

In particolare, il nuovo calendario per il riassetto delle frequenze nelle aree regionali viene così rimodulato:

  • Dal 15 novembre 2021 al 18 dicembre 2021 nell’area 1A – Sardegna;
  • Dal 3 gennaio 2022 al 15 marzo 2022 nell’area 2 – Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano; nell’area 3 – Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza;
  • Dal 1 marzo 2022 al 15 maggio 2022 nell’area 4 – Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata; Abruzzo, Molise, Marche;
  • Dal 1 maggio 2022 al 30 giugno 2022 nell’area 1B – Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania.
Da leggere:  Comprare case a 2 euro, il nuovo bando! Ecco dove

Bonus rottamazione tv, dal 23 agosto via alle richieste: ecco come ottenerlo

BONUS rottamazione TV 2021-2022 | Avv. Angelo Greco

Leggi anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.