Attaulità e NewsBonus

Bonus bollette potenziato: proroga fino ad ottobre 2022

Bonus sociale potenziato e allargato, chi può richiederlo ora!

Cambiamenti in arrivo per quanto riguarda il bonus bollette, sembra infatti che sia stato potenziato e allargato a più persone. Questa misura è necessaria per aiutare le famiglie a far fronte all’inflazione all’aumento dei costi di luce e gas.

Ecco tutto ciò che c’è da sapere sul bonus bollette!

Bonus bollette potenziato: cos’è?

I bonus bollette per le fatture di luce e gas sono stati rafforzati anche per il terzo trimestre del 2022.

Nella prima metà dell’anno, gli sconti in bolletta e gli assegni integrativi sono stati fondamentali nell’aiutare l’Italia ad affrontare i problemi e il caro dell’energia, dovuti a inflazione e guerra in Ucraina.

Adesso sono state presentate le agevolazioni per il terzo trimestre, quindi fino ad ottobre, dopo che con il decreto Energia il governo ha alzato la soglia per accedere al bonus da 8.265 a 12mila euro e prorogato la misura fino al 31 agosto 2022.

Come nei i primi sei mesi dell’anno il bonus bollette potenziato dipende sia dal reddito che dal numero di componenti del nucleo familiare, quindi va in base all’Isee.

Gli aiuti sono assegni che gli aventi diritto possono ottenere in aggiunta agli sconti sulle fatture già previsti.

Da leggere:  Modello 730/2020 in scadenza, come fare la dichiarazione dei redditi!

Sono disposizioni che cambiano spesso, perciò per restare aggiornati controllate la nostra pagina facebook!

Retroattività bonus bollette potenziato: come funziona?

Da quanto dichiarato dal governo i benefici saranno retroattivi, e inoltre ha poi reso operativo anche l‘innalzamento della soglia Isee (da 8.265 a 12mila euro) che bisogna avere per accedere al bonus.

Questo determina una differenza:

  1. lo sconto in bolletta è assicurato da inizio del prossimo anno per tutti quelli che, nel corso del 2022, raggiungeranno la vecchia somma prevista dal bonus di 8.265 euro e quindi in questa circostanza, il beneficio sarà attivato a partire da gennaio.;
  2. nel caso si raggiunga la nuova soglia di 12mila euro prevista da uno degli ultimi decreti, il bonus bollette potenziato partirà da aprile  dato che l’allargamento dell’Isee è scattato a partire da questo mese.

Inoltre, nel caso in cui l’attestazione Isee arriva dopo che sono stati già effettuati dei pagamenti a persone che soddisfano i requisiti dell’agevolazione, è previsto un compenso.

Come ottenere il bonus bollette potenziato?

In entrambi i casi, per ottenere l’agevolazione serve presentare la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) ogni anno e ottenere un’attestazione di Isee che sia sotto i limiti previsti dai bonus.

In alternativa bisogna essere titolari di reddito di cittadinanza visto che, dal 1° gennaio 2021, i bonus sociali elettrico, gas e acqua per disagio economico sono riconosciuti automaticamente a tutte le persone che ne hanno diritto.

Da leggere:  Terza proroga naspi 2020 nel decreto ristori?

Bonus in caso di disagio fisico

Nell’ambito del bonus bollette potenziato dobbiamo pensare anche al bonus legato a situazioni di disagio fisico è necessario presentare la domanda.

Possono usufruire di questa tipologia di aiuto in bolletta tutti i clienti domestici che hanno una grave malattia o con fornitura elettrica e domiciliati con un soggetto affetto da grave malattia.

Se ci sono i giusti criteri, il bonus disagio fisico è cumulabile con quello legato al disagio economico

Bonus elettrico

I valori dei bonus sono stati definiti dall’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera).

  • per un nucleo fatto da uno o due componenti, il bonus è pari a 110,40 euro, che si va a sommare ai 128 euro previsti dal bonus ordinario.
  • per nuclei da tre o quattro componenti, è di 134,32 euro, oltre al bonus di 151 euro.
  • invece per le famiglie da più di 4 componenti, l’importo dell’aiuto è di 157,32 euro, che si aggiunge ai 177 euro del bonus.

Bonus gas

Il valore del bonus bollette potenziato per il gas dipende principalmente da:

  • categoria d’uso associata alla fornitura agevolata – ovvero acqua sanitaria e/o di cottura, riscaldamento o entrambi;
  • dal numero di componenti del nucleo familiare;
  • dalla zona climatica.

Per il trimestre relativo ai mesi estivi non sono previste integrazioni per le categorie d’uso che includono il riscaldamento e non ci sono distinzioni sulla base delle zone climatiche.

Da leggere:  Novità DL Ristori: proroga scadenze fiscali novembre 2020

Quindi, gli unici due tipi di integrazione presenti sono per le famiglie fino a quattro componenti, che riceveranno una compensazione integrativa di 5,52 euro, e per le famiglie con oltre quattro componenti, che otterranno una compensazione integrativa di 10,12 euro.

Come nel caso del bonus elettrico questa compensazione si aggiunge al valore ordinario del bonus.

Ecco per voi un video per saperne di più:

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.