BonusEconomia

Assegni familiari in cassa integrazione: Come funzionano?

In periodo di pandemia mondiale, sono molti i lavoratori finiti in cassa integrazione e che si chiedono come funzionano gli assegni familiari in cassa integrazione. In questo breve articolo vediamo di rispondere a tutti i vostri dubbi!

Assegni familiari in cassa integrazione: Normativa

La normativa italiana prevede che anche i lavoratori in cassa integrazione possono beneficiare degli assegni familiari in rapporto al periodo di paga adottato e alle medesime condizioni dei lavoratori a orario normale.

In particolare, gli assegni familiari in cassa integrazione spettano:

  • In misura intera per i periodi di paga con sospensione CIG a zero ore;
  • Per ciascuna settimana nella misura intera settimanale, con esclusione dei giorni di assenza ingiustificata, per i periodi di paga con riduzione di orario.

Inoltre a causa della pandemia attuale, possono usufruire degli assegni familiari, anche chi beneficia dell’assegno ordinario erogato dal fondo (FIS).

Chi paga gli assegni familiari in cassa integrazione?

I lavoratori in cassa integrazione, anche quelli che percepiscono l’integrazione salariale direttamente dall’INPS, devono presentare un’apposita domanda online all’istituto previdenziale.

Assegni familiari in cassa integrazioneIn alternativa, possono ricorrere all’intermediazione dei CAF e Patronati.

I lavoratori dovranno inviare tramite apposita procedura la richiesta di “ANF DIP” annuale per il periodo che va dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2021 e, allo stesso modo, per i periodi precedenti o successivi. Prima dell’istanza “ANF DIP”, servirà presentare la domanda di “Autorizzazione ANF” nei casi previsti.

Da leggere:  Come fare la domanda bonus biciclette: ecco come richiedere l’incentivo

L’assegno deve essere preceduto dall’autorizzazione ANF nel caso nel nucleo familiare ci siano:

  • Figli naturali propri o del coniuge, riconosciuti da entrambi i genitori non sposati;
  • Figli ed equiparati di coniugi legalmente ed effettivamente separati o divorziati, o in stato di abbandono;
  • Figli del coniuge nati da precedente matrimonio;
  • Fratelli, sorelle e nipoti orfani di entrambi i genitori e non aventi diritto a pensione di reversibilità;
  • Nipoti minori in linea retta a carico dell’ascendente (nonno/a) richiedente;
  • Minori affidati a strutture pubbliche in accasamento eterofamiliare;
  • Familiari residenti all’estero di cittadino italiano, comunitario o cittadino straniero di Stato convenzionato;
  • Figli ed equiparati, studenti o apprendisti, di età superiore ai 18 anni compiuti ed inferiore ai 21 anni compiuti, purché facenti parte di “nuclei numerosi”, ovvero nuclei familiari con almeno 4 figli tutti di età meno dei 26 anni;
  • Minorenni incapaci di compiere gli atti propri della loro età;
  • Familiari maggiorenni inabili assoluti e permanenti (se non sono in possesso di documenti attestanti l’inabilità al 100%).

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.