Documenti e moduliGuida ai visti

Visto vacanza-lavoro per l’Australia 2020: Requisiti, costi e procedura

Il Visto vacanza-lavoro per l’Australia rappresenta un alternativa ideale per i viaggiatori italiani con fondi limitati che intendono svolgere una vacanza-lavoro in Australia.

In questo articolo vediamo passo per passo quali sono i requisiti, i costi e la procedura per richiederne uno.

Memorandum d’intesa Italia-Australia:

Grazie all’accordo stipulato nel 2004, i giovani italiani possono svolgere delle esperienze di lavoro, turismo e studio in Australia e viceversa.

Esistono due tipi di visto vacanza-lavoro che si possono richiedere per l’Australia:

  • Il visto vacanza-lavoro sottoclasse 462;
  • Visto vacanza-lavoro sottoclasse 417.

Visto vacanza-lavoro sottoclasse 642:

I paesi che possono richiedere il seguente visto sono:

  • Argentina;
  • Bangladesh;
  • Cile;
  • Cina, Repubblica Popolare;
  • Ungheria;
  • Indonesia;
  • Israele;
  • Lussemburgo;
  • Malesia;
  • Polonia;
  • Portogallo;
  • San Marino;
  • Slovacchia;
  • Slovenia;
  • Spagna;
  • Stati Uniti d’America;
  • Thailandia;
  • Turchia;
  • Uruguay;
  • Vietnam.

Visto vacanza-lavoro sottoclasse 417:

  • Belgio;
  • Canada;
  • Cipro;
  • Danimarca;
  • Estonia;
  • Finlandia;
  • Francia,
  • Germania;
  • Hong Kong;
  • Irlanda;
  • Italia;
  • Giappone;
  • Korea;
  • Malta;
  • Norvegia;
  • Paesi Bassi;
  • Regno Unito;
  • Svezia;
  • Taiwan

I giovani italiani possono richiedere il secondo tipo di visto.

Requisiti per il rilascio del Visto vacanza-lavoro per l’Australia 2020:

Le autorità italiane hanno imposto delle regole ben precise per il rilascio del titolo di soggiorno vacanza-lavoro.

Da leggere:  Visto scaduto e permanenza irregolare in Italia: Quali sono i rischi?

Vediamole insieme:

  • Anzitutto bisogna essere cittadini italiani, essere in possesso di un passaporto italiano o di un altro paese idoneo;
  • Età tra i 18 e 30 anni;
  • Non bisogna avere figli a proprio carico;
  • Essere diplomati;
  • Non aver mai partecipato ad un esperienza simile;
  • Avere un’assicurazione adeguata;
  • Fornire tutti i documenti aggiuntivi che le autorità australiane richiedono;
  • Dimostrare di avere una minima conoscenza della lingua inglese.

Visto elettronico:

Il sistema di visti australiani privilegia la richiesta e il rilascio elettronico del titolo di soggiorno.

È possibile stampare la ricevuta o conservarla su un dispositivo mobile come prova, ma il visto “reale” è quello disponibile nella banca dati sull’immigrazione del governo australiano, abbinato al numero di passaporto.

In che settori posso lavorare?

Il lavoro deve essere in un lavoro o settore specifico, inclusi:

  • Pesca e “pearling” nel nord dell’Australia;
  • Allevamento e abbattimento di alberi nell’Australia settentrionale;
  • Turismo e ospitalità nel nord dell’Australia;
  • Coltivazione di piante e allevamento di animali nell’Australia settentrionale e in altre regioni.

Durata del Visto vacanza-lavoro per l’Australia 2020:

Il visto ha una durata di 12 mesi e teoricamente non può essere rinnovato.

Per rinnovarlo potete giocare d’astuzia ed entro i primi tre mesi dal vostro arrivo e svolgimento di un lavoro specifico richiedere un secondo visto vacanza-lavoro.

Per quanto riguarda i tempi di rilascio, la vostra domanda viene verificata in 24 ore.

Da leggere:  Rinnovo residenza stranieri in italia: Perché è cosi importante?

Entro 7-30 giorni l’ambasciata vi invia una risposta definitiva.

Una volta che il visto è stato concesso, vi sarà fornito con il numero di concessione del visto, la data di inizio del visto e le condizioni del visto.

Se il vostro visto viene rifiutato, vi verranno fornite informazioni sul motivo per cui il governo australiano ha preso questa decisione e vi verrà comunicato se avete diritto a una revisione.

Costi del visto:

Il visto vacanza-lavoro per l’Australia 2020 ha un costo relativamente più alto rispetto agli altri visti turistici.

Il costo del Working Holiday Visa per l’Australia è infatti di 450 euro Anche il costo di un secondo e terzo visto per vacanze-lavoro in Australia è di 450 euro.

Tuttavia, ci possono essere altri costi associati al visto – a seconda delle vostre esigenze specifiche e del processo di richiesta.

A titolo di esempio, questi costi possono includere:

  • Costi per i controlli sanitari, che possono variare in base agli esami e ai test necessari;
  • Certificati di polizia, il cui prezzo può variare a seconda delle informazioni necessarie e del certificato richiesto;
  • Biometria, che può includere i costi per una fotografia digitale e la scansione delle impronte digitali;
  • Costi dell’assicurazione malattia.

Per maggiori informazioni visita il sito dell’Ambasciata Australiana a Roma

I nostri visitatori  hanno letto anche:

Da leggere:  Dichiarazione di ospitalità per cittadini comunitari

Fonte
auvisa.org/it

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.