EconomiaLavorare in Italia

Cassa integrazione: ecco le regioni per il crollo in busta paga

I lavoratori che sono stati messi in cassa integrazione durante il periodo della pandemia, secondo l’IRPEF hanno perso quasi 4,8 miliardi di euro nelle loro buste paghe.

È il calcolo eseguito dal Servizio del lavoro a livello nazionale e le addizioni regionali, fatta in base alle analisi dei dati INPS riguardanti la cassa integrazione, che permette di contare le perdite di ogni lavoratore.

Quali sono le classifiche?

La regione Lombardia è la prima in classifica riguardo le perdite.

Ha il maggior numero di perdite nelle buste paghe, ovvero si parla del 25% della somma nazionale pari a 1,2 miliardi di euro.

Troverete in seconda posizione il Veneto, in cui la perdita della cassa integrazione è pari a 608 milioni di euro.

Subito in terza posizione l’Emilia Romagna con una perdita di 491 milioni di euro, e in quarta il Piemonte con 418 milioni di euro.

Da leggere: Cassa integrazione INPS: Richiesta entro la scadenza a luglio

I dati delle perdite della cassa integrazione:

Secondo la segretaria Confederale UIL Ivana Veronese ridurre lo stipendio e non pagare le rate mancanti della tredicesima e la quattordicesima porta alla diminuzione della busta paga dal 18% al 37%. La percentuale cambia in base al reddito.

Da leggere:  Iter ottenimento nulla osta per lavoro subordinato

Negli scorsi mesi di aprile e maggio il governo concede 1,7 miliardi di ore per la cassa integrazione rispetto alle 835 e 848 milioni di ore precedenti.

Ricordiamo che si tratta di numeri mai visti in così breve tempo è riguardano 8,4 milioni di dipendenti che hanno perso circa 569 euro procapite.

Ivana afferma che:

“Se consideriamo i beneficiari in cassa integrazione a ‘zero ore’ che corrispondono ad una platea di 5 milioni di dipendenti, la mancata retribuzione corrisponde a 966 euro netti medi pro-capite nel bimestre”.

Da leggere: Cassa integrazione INPS: da quanto i lavoratori aspettano?

A quanto ammonta la cassa integrazione?

I tetti massimali della cassa integrazione sono da rivedere, possiamo però dire che ad oggi sono 998,18 euro mensili per uno stipendio inferiore o uguale a 2.159,48 euro.

Mentre sono 1.199,72 euro per una retribuzione superiore a 2.159,48 euro

Ricordiamo che queste somme sono fissate per legge.

Analizziamo che per un lavoratore a tempi pieno con uno stipendio di 1.440 euro mensili ( 17.285 euro annuì), che sia entrato in cassa integrazione a zero ore per almeno 2 mesi andrebbe a perdere circa 889 euro. Quindi 444 euro mensili.

Per i lavoratori a tempo parziale con uno stipendio annuo di 10.005 euro, ovvero 834 euro mensili, perderebbero 290 euro equivalenti a 145 euro mensili.

In base alla UIL sarebbe più opportuno che si faccia una rivalutazione dei sussidi secondo agli aumenti di contratti e non in base al tasso di inflazione.

Da leggere:  Obbligo del vaccino per i lavoratori? Si rischia il licenziamento?

Da leggere: Cassa integrazione: meno tasse per chi sceglie di rinunciare

Le classifiche regionali:

Qui sotto sarà elencata la classifica delle regioni secondo la retribuzione mancante nel mese di aprile e nel mese di maggio.

In questa classifica saranno presi in considerazione i fondi di solidarietà , la cassa integrazione ordinariamente è quella in deroga:

  • Lombardia: 1,2 miliardi
  • Veneto: 608 milioni
  • Emilia Romagna: 491 milioni
  • Piemonte: 418 milioni
  • Lazio: 355 milioni
  • Toscana: 313 milioni
  • Campania: 272 milioni
  • Puglia: 210 milioni
  • Marche: 164 milioni
  • Sicilia: 157 milioni
  • Friuli Venezia Giulia: 114 milioni
  • Abruzzo: 101 milioni
  • Liguria: 88 milioni
  • Trentino Alto Adige: 79 milioni
  • Sardegna: 65.7 milioni
  • Umbria 65.4 milioni
  • Calabria: 53 milioni
  • Basilicata: 38 milioni
  • Molise: 13 milioni
  • Valle D’Aosta: 10 milioni

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.