Attaulità e NewsBonus

Bonus affitto riconfermato nel Sostegni bis?

Bonus affitto riconfermato all’interno nel Sostegni bis? Infatti si tratta di un sostegno alle famiglie che vivono in situazione di vulnerabilità economia e in difficoltà a sostenere il canone di locazione sociale.
Il Bonus affitto riconfermato è il nuovo aiuto per tutte le famiglie con più necessità economiche.

Cos’è il Bonus affitto riconfermato?

Si tratta di un vero e proprio bonus affitto nei confronti dei cosiddetti “inquilini vittime di morosità incolpevole”, ma anche di negozianti e artigiani colpiti dal Coronavirus.

Viene erogato dallo Stato, fino ad esaurimento fondi, anche attraverso il Comune di residenza, ed è un aiuto per gli affitti alle famiglie che non riescono a pagare il canone di locazione di casa.

A chi spetta il Bonus affitto riconfermato?

Bonus affitto riconfermatoPer usufruire del bonus affitto 2021, è necessario che sussistano una serie di gravi cause che impediscano di pagare il canone di locazione, come ad esempio Covid-19, ed anche dei requisiti essenziali, primo fra tutti un reddito Isee che non supera il limite stabilito dalla Legge di Stabilità vigente.

Da leggere:  Naspi universale 2021: ecco novità in arrivo

Vediamo quali sono le cause che danno diritto a richiedere l’agevolazione del contributo affitto 2020/2021 ed il rimborso dal Comune attraverso i due fondi messi a disposizione dallo Stato.

Cause gravi, reddito Isee e DSU:

  • Licenziamento;
  • Riduzione dell’orario di lavoro;
  • Messa in Cassa integrazione;
  • Contratto a tempo determinato non rinnovato;
  • Cessazione dell’attività lavorativa per cause indipendenti dalla propria volontà (come per il Coronavirus);
  • Infortunio o decesso di un qualsiasi componente familiare concorrente al reddito del nucleo.

Quali sono i requisiti per richiedere il Bonus affitto riconfermato?

  • Per ottenere il contributo affitto è necessario che il reddito Isee sia al di sotto di 26.000 euro all’anno;
  • In requisito essenziale per chiedere il rimborso affitto comunale è che nessun membro del nucleo familiare risulti in possesso, o possa usufruire di un altro immobile nella stessa area di residenza;
  • E’ necessario che l’inquilino moroso che fa la richiesta del contributo affitto 2020-2021 sia in possesso dell’atto di convalida di sfratto per morosità;
  • Regolarità del contratto : bisogna aver regolarmente registrato il contratto d’affitto (naturalmente da parte del padrone di casa);
  • Ovviamente l’inquilino moroso che richiede il bonus affitto non deve abitare in un immobile di lusso, quindi vengono escluse dal contributo economico per famiglie disagiate a basso reddito le categorie catastali A1, A8 e A9;
  • Bisogna risultare residente da almeno un anno nella casa in cui si è ricevuto lo sfratto;
  • Per fare la domanda del contributo affitto 2020/2021 è necessaria la residenza in Italia o in un altro paese della Comunità Europea. Nel caso in cui l’inquilino moroso sia cittadino di un paese extra UE deve essere in possesso di soggiorno CE;
  • Affinché la domanda vada a buon fine velocemente (e prima che finiscano le risorse) hanno diritto ad una corsia preferenziale nell’ottenimento del contributo affitto i nuclei familiari in cui sia presente un minore, un ultra settantenne oppure un invalido almeno al 74%, così come un familiare che risulti in carico ai servizi sociali o alle ASL;
  • Nella concessione del bonus affitti per inquilini morosi viene data priorità a coloro che, sotto sfratto esecutivo, riescono a stipulare un nuovo contratto di locazione a canone concordato.
Da leggere:  Reddito di emergenza: Ecco chi è escluso dal bonus fino a 1600 euro

Quanto può chiedere ogni singola famiglia?

Nel caso in cui l’inquilino possa diventare morosa in maniera involontaria, il Fondo Morosità incolpevole emette un contributo della somma massima fino a 8.000 euro.

Questo contributo viene emesso nel caso in cui:

  • Il proprietario rinunci allo sfratto. Il questo caso il bonus affitto copre tutte le morosità pregresse, fino ad un tetto massimo di 8.000 euro;
  • Nel caso in cui il proprietario opti per un proroga allo sfratto. In questo caso il bonus affitto coprirà i mesi interessati dal differimento, per un periodo massimo di 6 mesi + 3 mesi pregressi;
  • Nel caso in cui venga stipulato un nuovo contratto di locazione per un alloggio diverso rispetto a quello oggetto di sfratto esecutivo. Il contributo per l’affitto coprirà un massimo di 3 mesi.

Per poter richiedere l’aumento Bonus affitto 2021, l’inquilino dovrà essere:

  • Cittadino italiano;
  • Avere la residenza nel comune in cui presenta la domanda;
  • Avere un regolare contratto d’affitto registrato all’Agenzia delle Entrate;
  • Non essere assegnatario di alloggi di edilizia residenziale pubblica o comunale;
  • L’abitazione deve rientrare nelle categorie catastali A1, A8 ed A9;
  • La famiglia non deve aver ricevuto altri contributi per l’affitto;
  • Il reddito Isee varia da comune a comune.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Da leggere:  Presentazione domanda reddito di cittadinanza: cosa fare dopo?

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.