Bonus

Buoni spesa, bonus affitto, REM, Dl Sostegni 2

Buoni spesa, bonus affitto e sconti in bolletta nel Decreto Sostegni 2 ed anche novità per il Rem!

Il Governo dovrà attribuire ai sindaci ben mezzo miliardo di euro per essere in grado di finanziare le nuove misure di sostegno.

Però saranno gli stessi Comuni a dover individuare le famiglie in che si trovano in difficoltà economica che hanno diritto a ricevere le agevolazioni.

Reddito di emergenza nel Decreto Sostegni 2:

Il reddito di emergenza è un sostegno economico per i nuclei famiglia che si trovano in difficoltà economiche.

Buoni spesa, bonus affitto, Reddito di emergenzaA loro vengono riconosciuti 3 rate con un importo che varia da 400 a 800 euro che riguardano i mesi di marzo, aprile e maggio.

Inoltre sono previsti degli aumenti per i nuclei famigliari con i componenti della famiglia con gravi disabilità.

Grazie all’articolo 12 del Decreto Sostegno sono stati confermati i requisiti che sono previsti dal Decreto Rilancio per beneficiare del Rem 2021.

Inoltre se si prende in riferimento il mese di febbraio 2021 per il reddito familiare e si aumenta la soglia dell’Isee.

Quest’ultimo aumenta di un dodicesimo del canone di locazione annuale per coloro che sono in affitto.

Da leggere:  Richiesta dei soldi all’INPS: se sei uno di questi 8 casi hai il pagamento

Requisiti reddito di emergenza 2021:

Buoni spesa, bonus affitto, Reddito di emergenzaPer poter beneficiare del reddito di emergenza 2021 occorre rispettare determinati requisiti:

  • Reddito familiare di febbraio 2021 inferiore a una soglia pari all’ammontare del Rem;
  • Residenza in Italia;
  • Patrimonio mobiliare inferiore a 10.000 euro riferito al 2020.
  • La soglia aumenta di 5.000 euro a persona nel nucleo familiare, fino a un massimo di 20.000 euro;
  • ISEE non superiore a 15.000 euro.

Per i nuclei famigliari che sono in affitto, la soglia di reddito aumenta di un dodicesimo del valore annuo del canone di locazione.

Buoni spesa: come funzioneranno?

In determinate città dell’Italia sarà possibile fare richiesta dei buoni spesa.

Di fatto questi si sono rilevati essere un’importante forma di sostegno economico per le famiglie che sono state maggiormente colpite dalla crisi causata dal Covid.

La somma di questi buoni oscilla dai 50-100 euro fino ad un massimo di 700 euro.

Per quanto riguarda i requisiti che bisogna rispettare e i relativi importi, tuttavia, vengono stabiliti dal proprio Comune di residenza.

Proprio per questa ragione, per sapere se si ha diritto o meno ai buoni spesa, bisogna innanzitutto rivolgersi agli uffici comunali di competenza.

I soggetti che sono maggiormente interessati dovranno rispondere a un breve questionario.

E anche sul loro conto corrente non devono risultare depositi bancari superiori ai 10 mila euro alla data dell’ultimo giorno del mese precedente la domanda.

Da leggere:  Bonus bollette 2021: ecco come ricevere lo sconto su gas, luce e molto altro

Invece per quanto riguarda gli importi, inoltre, sono pari a:

  • 150 euro in caso di persona singola;
  • 250 euro per 2 persone;
  • 350 euro per nuclei famigliari fino a tre persone;
  • 400, 500 e 600 euro per famiglie composte rispettivamente da 4, 5, 6 o più persone.

Bonus affitto 2021:

Per usufruire del bonus affitto 2021, è necessario che sussistano una serie di gravi cause che impediscano di pagare il canone di locazione, come ad esempio Covid-19, ed anche dei requisiti essenziali, primo fra tutti un reddito Isee che non supera il limite stabilito dalla Legge di Stabilità vigente.

Vediamo quali sono le cause che danno diritto a richiedere l’agevolazione del contributo affitto 2020/2021 ed il rimborso dal Comune attraverso i due fondi messi a disposizione dallo Stato.

Cause gravi, reddito Isee e DSU:

  • Licenziamento;
  • Riduzione dell’orario di lavoro;
  • Messa in Cassa integrazione;
  • Contratto a tempo determinato non rinnovato;
  • Cessazione dell’attività lavorativa per cause indipendenti dalla propria volontà (come per il Coronavirus);
  • Infortunio o decesso di un qualsiasi componente familiare concorrente al reddito del nucleo.

Sconti in bolletta in aggiunta ai bonus sociali:

Con il bonus sociale per la luce, gas e acqua si potrà beneficiare di uno sconto per le famiglie che hanno un reddito basso.

Ciò occorre per poterle sostenere e poter affrontare le spese destinate alle utenze domestiche.

Da leggere:  Modello NASPI-COM

Ricordiamo che ciascuna famiglia ha diritto a un unico bonus per tipologia all’anno

Vediamo quali sono i requisiti per beneficiare del bonus sociale:

  • Avere un Isee non superiore a 8.265 euro;
  • Avere almeno 4 figli a carico e un Isee inferiore a 20.000 euro;
  • Essere titolari di Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza.

Precisiamo che il bonus sociale non sarà erogato automaticamente sarà unicamente quello per disagio fisico.

Per cui verrà riconosciuto a chi utilizza apparecchi medici per la propria sopravvivenza.

Solo per questa occorre effettuare una domanda ai Comuni o ai Caf.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.