Bonus

Bonus 150 euro a figlio: Come richiederlo?

Le famiglie con figli potranno richiedere l’atteso bonus 150 euro a figlio fino a 25 anni! La richiesta deve essere inoltrata all’INPS e riguarda i nuclei familiari più numerosi.

Bonus 150 euro a figlio

Che cos’è il bonus 150 euro a figlio?

Il bonus 150 euro a figlio prevede un assegno di 150 euro per ogni figlio a carico fino a 18 anni e di 100 euro per figli dai 18 ai 25 anni che non abbiano ancora un reddito.

  • 0-18 anni – 150 euro;
  • 19-26 anni – 100 euro (a patto che il ragazzo sia ancora a carico dei genitori e non abbia un reddito complessivo Irpef al di sopra dei 2.840,51 euro annui, al lordo degli oneri deducibili).

A chi spetta il bonus 150 euro a figlio?

Si sarà in grado di ricevere il bonus per intero nel caso si avesse un reddito ISEE inferiore ai 30.000 euro mentre se l’ISEE è tra 30.000 e 50.000 euro il bonus si riduce progressivamente fino ad azzerarsi.

Le soglie aumentano inoltre al crescere del numero dei figli (5mila euro per ogni figlio ulteriore) e l’assegno verrebbe versato, con importi inferiori (circa 100 euro), fino al compimento del 26simo anno di età.

Da leggere:  Decreto rilancio: per bonus e contributi da oggi basta l'autocertificazione!

È quanto prevede il disegno di legge recante “Delega al Governo per riordinare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico”.

Come poter ottenere il bonus da 422 euro invece? 

La richiesta deve essere inoltrata all’INPS e riguarda i nuclei familiari più numerosi.

Per ricevere l’assegno, bisogna dimostrare di possedere redditi ISEE inferiori rispetto a specifiche soglie.

L’aiuto dell’Ente previdenziale è rivolto alle famiglie che riscontrano problemi a far quadrare il bilancio mensile.

L’importo del bonus varia in base alle fasce di reddito; quando si matura il diritto a ricevere assegni dall’Ente fino a 422 euro per famiglie con figli.

E soprattutto di quanto diminuisce l’importo spettante in relazione alle diverse fasce di reddito?

Il riconoscimento e la determinazione dell’importo dell’assegno erogato dall’INPS avvengono tenendo conto della tipologia del nucleo familiare, del numero dei componenti e del reddito complessivo del nucleo stesso.

La prestazione è prevista in importi decrescenti per scaglioni crescenti di reddito e cessa in corrispondenza di soglie di esclusione diverse a seconda della tipologia familiare.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.