ALTRO!

Sindacato solo per gli stranieri è possibile? Quali sarebbero i vantaggi?

Sindacato solo per gli stranieri è possibile? Una ricerca condotta nel 2008 da “EURES istituto di ricerche economiche e sociali ha dimostrato che l’80% dei lavoratori stranieri residenti in italia vogliono un sindacato tutto loro.

Sindacato solo per gli stranieri è possibile?

Nel 2008 l’EURES ha affermato:

La «crescente consapevolezza tra i lavoratori dell’importanza del proprio ruolo e del contributo fornito alla crescita della ricchezza del nostro Paese: gli immigrati rappresentano infatti il 12,5% dell’occupazione, con mansioni nell’85% dei casi di carattere esecutivo, progressivamente abbandonate dai lavoratori italiani». 

Due milioni di persone che ogni giorno mandano avanti la nostra economia. «Se tutti i lavoratori stranieri incrociassero le braccia – calcola EURES – al di là degli effetti fortemente negativi sul Pil nazionale (di cui producono il 9,2%), si avrebbe una paralisi di alcuni settori quali, in primo luogo, i servizi alle famiglie (dove la componente straniera raggiunge il 67%), ma anche nell’agricoltura (20,9% di occupati stranieri), nelle costruzioni (19,7%) e nel comparto turistico ricettivo (20,9%); fortemente indeboliti ne risulterebbero anche il tessile (14,8% di occupati stranieri), l’industria conciaria (15,7%), quella metallifera (14,6%) e, più in generale, l’industria nel suo complesso (12,9%)».

Secondo i dati Istat, al 1 gennaio 2018 gli stranieri residenti in Italia sono 5.144.440, pari all’8,5% della popolazione.

L’incidenza della popolazione straniera sulla popolazione italiana totale è un dato in continua crescita cosi come anche il loro contributo a livello di crescita del prodotto interno lordo italiano. 

Sarebbe vantaggioso creare un sindacato per gli stranieri?

Sempre secondo l’EURES:

«l’idea di un sindacato a parte per gli stranieri può essere perfino pericolosa, se raccolta dalle istituzioni, può diventare un’opportunità».

«La consapevolezza della comunità dei lavoratori stranieri di essere un soggetto sociale portatore di interessi e di diritti specifici costituisce in sè un forte e irreversibile segnale di cambiamento che il sistema politico italiano non deve e non può ignorare né respingere. Bisogna coglierne la spinta propulsiva e la connotazione positiva per trasformare questa forte domanda di integrazione e di partecipazione in una più complessiva occasione di crescita sociale e civile del Paese».

I nostri visitatori hanno letto anche:

Fonte
www.bulgaria-italia.com

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.