Bonus

Reddito di cittadinanza di giugno: pagamento anticipato?

Reddito di cittadinanza di giugno – E’ sempre stato puntuale il pagamento dalle Poste Italiane in questi mesi, su disposizione dell’Inps.

E solamente  in due occasioni – a dicembre e ad aprile – l’accredito su carta è stato anticipato di qualche giorno.

Sebbene, ogni mese i benefattori del reddito di cittadinanza di giugno, dato il bisogno di ottenere un sostegno al reddito di cui beneficiare, cercano notizie precise per quanto riguarda la data di pagamento del beneficio.

Gli aggiornamenti in questo momento, però, può assegnarli solamente l’INPS.

Ad oggi giorno non sono presenti informazioni per un possibile ritardo o anticipo per l’accredito del reddito di cittadinanza di giugno.

Leggi anche: Reddito di emergenza domanda al Caf: Come presentare la domanda?

C’è però un fattore da considerare:

Il giorno in cui teoricamente avviene il pagamento del reddito di cittadinanza – ovvero il 27 di ogni mese – nel mese di giugno cade di sabato.

Proprio per questa ragione numerose persone si sono chieste se per questo motivo non sarà necessario modificare le tempistiche, anticipando di qualche giorno la data del pagamento.

E’ veramente possibile questa eventualità? Bisogna fare chiarezza.

Reddito di cittadinanza di giugno: pagamento anticipato o posticipato?

Bisogna sapere che la data del 27 di giugno è semplicemente indicativa. Infatti, non esiste, nessuna disposizione che obblighi INPS e Poste Italiane a completare i pagamenti del reddito di cittadinanza entro questa data.

Il 27, di conseguenza, è solo una data frutto della consuetudine. Che è, di quanto successo in questo primo anno – o poco più – in cui il reddito di cittadinanza è in vigore.

Proprio di ciò numerosi si sono chiesti se per il fatto che il 27 giugno sia caduto di sabato, non ci possano essere variazioni sulla data del pagamento del reddito di cittadinanza.

Però, in seguito a ricerche questo fatto non dovrebbe essere un fattore che influirà, dato che per Poste Italiane il sabato è considerato un giorno bancabile.

D’altronde, sabato verranno pagate anche le pensioni (tranne che per coloro che hanno l’accredito su conto corrente bancario).

Leggi anche: Reddito di cittadinanza per tre anni: ecco come fare domanda

Quindi non vi è alcun limite alla possibilità che il totale previsto a titolo di reddito di cittadinanza possano essere disponibili sull’apposita carta durante la giornata di sabato 27 giugno.

Ad oggi ciò sembra essere proprio la data più probabile, anche se non bisognerebbe completamente escludere un piccolo anticipo al giorno precedente. Però qualunque possa essere la data l’INPS non dovrebbe andare oltre questa settimana.

Reddito di cittadinanza: la data del pagamento indicata sul sito INPS

Per avere informazioni certe riguardo alla data del pagamento del reddito di cittadinanza bisogna attenersi alle fonti ufficiali.

Un ritardo oppure un anticipo, rispetto alle date di pagamento, tuttavia, verrebbero tempestivamente comunicate dall’INPS.

Bisogna ricordare, infatti, che anche se a procedere con il pagamento è Poste Italiane, le tempistiche dipendono dal lavoro effettuato dall’INPS nei giorni precedenti.

È compito dell’Istituto ad inviare le disposizioni di pagamento dopo aver valutato le domande in base ai dati a disposizione.

Lo stato di lavorazione delle domande è indicato nell’area apposita INPS, dove ogni beneficiario del reddito di cittadinanza, può fare accesso per verificare lo stato dei pagamenti.

Solamente se si è in possesso dell’apposito PIN o dello SPID.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Lina F.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Art 3

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker