EconomiaLavorare in Italia

Compatibilità NASPI con tirocinio

La Compatibilità NASPI con tirocinio è possibile! Gli importi del rimborso spese del tirocinio sono cumulabili con gli importi del sussidio di disoccupazione. Vediamo in questo articolo più nel dettaglio che cosa prevede la legge in materia!

Compatibilità NASPI con tirocinio:

Poiché lo stage o il tirocinio non sono considerati dall’ordinamento come delle forme di lavoro dipendente essi possono esser indennizzati solo come rimborso spese e proprio per questo motivo sono cumulabili con il sussidio della disoccupazione NASPI.

Chi fruisce della NASPI può incassare, anche senza comunicarlo all’Istituto, i rimborsi spese derivanti dai tirocini e dagli stage.

A stabilirlo è proprio l’istituto di previdenza sociale che con la circolare numero 174 del 23 novembre del 2017 ha stabilito quanto segue:

“Le remunerazioni derivanti da borse lavoro, stage e tirocini professionali, nonché i premi o sussidi per fini di studio o di addestramento professionale sono interamente cumulabili con l’indennità NASpI e il beneficiario della prestazione non è tenuto ad effettuare all’INPS comunicazioni relative all’attività e alle relative remunerazioni.”

E se invece sono beneficiario di una borsa di studio?

Compatibilità NASPI con tirocinioLa situazione cambia per i beneficiari di borse di studio e assegni di ricerca (assegnisti e dottorandi di ricerca con borsa di studio) , poichè in questo caso l’attività viene ricondotta al lavoro dipendente (essendo riconosciuta per gli stessi Dis COLL in caso di disoccupazione involontaria) e proprio per questo la remunerazione ricevuta comporta riduzione dell’importo della Naspi per contestuale svolgimento di lavoro subordinato.

Da leggere:  Reddito di cittadinanza : ultimi aggiornamenti e novità

Sostanzialmente quindi abbiamo una compatibilità NASPI con tirocinio e una compatibilità NASPI solo in parte con borse di studio e assegni di ricerca.


Importi disoccupazione 2021: NASPI

Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 4, comma 2, del decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22, la retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo delle indennità di disoccupazione NASpI è pari, secondo i criteri già indicati nella circolaren. 94 del 12 maggio 2015, a € 1.227,55 per il 2021.

L’importo massimo mensile di detta indennità, per la quale non opera la riduzione di cui all’articolo 26 della legge n. 41/1986, non può in ogni caso superare, per il 2021, € 1.335,40.

Come fare la domanda Naspi 2021?

L’indennità di disoccupazione, chiamata anche Naspi, è destinata ai lavoratori dipendenti che hanno perso il lavoro in maniera involontaria.

Ma possono richiederla anche coloro che si sono dimessi per “giusta causa”.

Inoltre occorre rispettare alcuni determinati requisiti.

Si tratta precisamente dei seguenti fattori:

  • 13 settimane di contribuzione nei 4 anni precedenti alla disoccupazione;
  • 30 giornate di lavoro effettive nei 12 mesi precedenti alla disoccupazione e alla richiesta Naspi;
  • La richiesta della Naspi si può presentare entro 128 giorni dalla disoccupazione.

Ricordiamo inoltre che non deve essere entro i consueti 68 giorni.

Da leggere:  Cassa integrazione: ecco le regioni per il crollo in busta paga

I nostri visitatori hanno letto anche: 

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.