ALTRO!

Rientrare dall’estero? Ecco come fare se sei bloccato

Rientrare dall’estero? Ecco come – Molti italiani di cittadinanza o di residenza, sono rimaste bloccate all’estero senza la possibilità di un rientro in Italia, vediamo come fare e le regole da seguire.

Posso rientrare in Italia dall’estero?

La risposta è sì, si può rientrare in Italia, però solamente in caso di urgenza assoluta. Di conseguenza, per esempio, è possibile rientrare per i cittadini italiani o degli stranieri residenti in Italia. In caso si trovino all’estero in via temporanea (per turismo, affari o altro).

Allo stesso modo è consentito rientrare in Italia ai cittadini italiani costretti a lasciare definitivamente il Paese estero dove lavoravano o studiavano.

(In quanto, ad esempio, sono stati licenziati, hanno perso la casa, oppure dato che il loro corso di studi è stato definitivamente interrotto).

Da leggere: Autocertificazione confermata anche nella Fase 2 (Modulo PDF)

Se invece sono in Italia e devo rientrare nel mio paese?

Sì, solamente se si tratta di un rientro dall’estero di urgenza assoluta, alle stesse condizioni alle quali sono sottoposte per persone italiane dall’estero.

Da leggere:  Elenco documenti pensione di cittadinanza

La momentanea sospensione per i lavoratori o il loro continuo lavoro in modalità di “lavoro agile” non consentono invece spostamenti.

Si potrà usare il modulo pubblicato nel sito del Ministero dell’interno per l’autocertificazione, per i motivi degli spostamenti necessari a raggiungere la frontiera.

Sarà necessario verificare prima di partire le misure che sono state previste nel Paese di destinazione, per contrastare la diffusione del virus. E’ consigliato inoltre di prendere contatto con l’ambasciata del proprio Paese nello stato Italiano.

Da leggere: Cura Italia: la Camera ha approvato il decreto, è legge!

Posso chiedere ad una persona di venirmi a prendere se devo rientrare dall’estero?

Sì, però è consentito ad una sola persona con cui vivete, oppure coabitante nello stesso domicilio del trasportato. Meglio se viene munita di dispositivo di protezione (mascherina e guanti).

Lo spostamento sarà di “assoluta urgenza”, e di conseguenza dovrà essere autocertificato con il modulo messo a disposizione dal Ministero dell’interno.

Una volta compilato tutto il modulo, bisogna indicare, nello specifico, il tragitto percorso e il domicilio dove la persona è diretta.

Però resta obbligatoria la comunicazione immediata del proprio ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione.

Ciò per essere sottoposti alla sorveglianza sanitaria e a isolamento fiduciario, ovvero l’obbligo di segnalare con rapidità l’eventuale insorgenza di sintomi da COVID-19 all’autorità sanitaria.

Da leggere:  100 euro in busta paga anche per i volontari! Le novità

Da leggere: Reddito per permesso illimitato e carta di soggiorno 2020

Le regole da seguire se rientro in Italia:

  1. Le persone che arrivano dall’estero non potranno prendere mezzi di trasporto pubblici, ma solo mezzi privati (quindi o qualcuno viene a prenderlo all’aeroporto, porto o stazione oppure l’interessato noleggia una macchina o, nei limiti in cui è consentito, prende un taxi o un’auto a noleggio con conducente);
  2. La quarantena dovrà essere effettuata da chiunque entri in Italia. Quindi anche da chi entra con mezzo privato;
  3. Chi entra in Italia per lavoro può ancora utilizzare la possibilità di rimandare l’inizio della quarantena di 72 ore (prolungabili per altre 48), nei limiti in cui ciò sia assolutamente necessario;
  4. Tutte le persone che entrano dall’estero, anche con mezzi privati, dovranno avvisare l’Azienda sanitaria locale competente per territorio;
  5. L’isolamento può essere trascorso anche in un luogo diverso dalla propria abitazione, scelto dall’interessato;
  6. Se qualcuno, arrivando in Italia, non ha luogo dove passare quarantena o non riesce a raggiungerlo (non possono venirlo a prendere, non trova stanza d’albergo che lo accolga…), allora deve trascorrere il periodo di isolamento in luogo deciso dalla Protezione civile, con spese a carico dell’interessato.

Sono esclusi da queste regole:

  • Lavoratori transfrontalieri;
  • Personale sanitario;
  • Equipaggi di trasporto passeggeri e merci.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Da leggere:  Minori non accompagnati: Nuovo protocollo per la determinazione del'età dichiarata

Fonte
Esteri.it

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.