Bonus

Nuovo bonus 1000 euro nel Ristori 5, per autonomi e Partite Iva

Troviamo il nuovo bonus 1000 euro nel tanto atteso Decreto Ristori 5, rivolto principalmente agli autonomi e partite Iva.

Sempre seguendo determinati requisiti necessari per accedervi.

A chi spetta il nuovo bonus 1000 euro?

Potranno ottenerlo i titolari delle Partite Iva da 3 anni ed anche ai lavoratori autonomi, che abbiano un reddito non superiore ai 50 mila euro all’anno.

E che hanno registrato nel corso del 2020 una diminuzione del 33% del fatturato per colpa del Covid-19 e delle restrizione da esso causate.

Tutto ciò a condizione che le persone di cui parliamo abbiano  tutti i con tributi Inps prima della pandemia.

Saranno presenti inoltre determinati contributi per le persone che hanno dovuto chiudere durante le feste natalizie a causa dei provvedimenti presi dal Governo, come ad esempio gli impianti sciistici.

👍 Nuovi BONUS 1000 euro nel 2021

Nuova pace fiscale:

Un altro capitolo che troviamo all’interno del decreto Ristori 5 una nuova pace fiscale.

A parlarne è stato proprio il, Viceministro all’Economia, Laura Castelli, in un lungo post su Facebook, sottolineando che sarà caratterizzata dalle seguenti misure:

  • Saldo e stralcio per il 2021 delle cartelle esattoriali;
  • Per dare respiro ai contribuenti saranno rottamate le cartelle dal 2016 al 2019.  Questa misura è rivolta ai contribuenti che si trovano in difficoltà ed hanno delle posizioni aperte con il fisco, determinate da delle morosità incolpevoli;
  • Saranno, inoltre, rinviate le cartelle esattoriali per quanti sono in difficoltà e scontate per quanti non siano in grado di pagare.
Da leggere:  Pensioni: Bonus tredicesima 2020, a chi spetta?

“La strada su cui proseguire è chiara, passa per il rifinanziamento di misure importanti, che abbiamo già messo in campo, come il contratto di espansione o quelle per la liquidità, ma non può prescindere da un pacchetto Salva Imprese – spiega la Castelli -.

Norme che intervengano, anche attraverso l’ampliamento delle possibilità di accesso ai piani di risanamento e alle procedure concorsuali, per favorire il risanamento delle imprese e la tutela del creditore.

O ancora, da una riforma complessiva del Fisco, che semplifichi il rapporto tra lo Stato, i cittadini e le imprese, e porti ad un abbassamento della pressione fiscale, proseguendo su quella strada che già abbiamo intrapreso”.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.