VARI ARGOMENTI

Come prendere in affitto una casa ?

Come prendere in affitto una casa – In questo articolo vi spiegheremo in breve che cosa vi serve per prendere una casa in affitto.

Tipologie di contratto:

Ci sono due tipologie di contratti:

  • il classico contratto a canone libero di 4 anni + 4,
  • oppure se l’immobile si trova in un comune ad alta densità abitativa, potreste stipulare un contratto a canone concordato di 3 anni + 2.

In quale forma viene sottoscritto il contratto?

L’affittuario (denominato nel contratto “conduttore”) ha diritto al contratto in forma scritta, sottoscritto da entrambi e registrato all’Ufficio del Registro territoriale. Se non sussiste uno di questi elementi, il contratto può considerarsi nullo. Il costo della registrazione deve essere diviso a metà tra il proprietario e l’inquilino, così come la tassa di registro che si paga annualmente sul contratto.

Documentazione:

Se fossi un lavoratore subordinato, dovrai presentare i seguenti documenti per l’affitto:

  • Una copia della carta di identità e del codice fiscale, in corso di validità
  • Una copia delle due ultime buste paga e una copia del CUD (Certificato Unico Dipendente)
  • Una copia della carta di identità e del codice fiscale, in corso di validità, di eventuali conviventi

Se, invece, fossi un lavoratore autonomo, si modificherà il documento che dovrai consegnare per dimostrare la tua situazione lavorativa:

  • Una copia della carta di identità e del codice fiscale, in corso di validità
  • Una copia della carta di identità e del codice fiscale, in corso di validità, di eventuali conviventi
  • Una copia dell’ultimo modello UNICO e della visura camerale

In aggiunta a questi documenti, potresti dover consegnare, se il locatore te lo avesse chiesto, una copia della garanzia fideiussoria assicurativa per l’affitto.

 

Registrazione contratto presso l’agenzia delle entrate:

Il proprietario di casa ha l’obbligo di comunicazione di cessione fabbricato permane nei confronti di cittadini stranieri, come da comma 4 dell’art. 2 del D.L. 79/2012.

Il sito stesso della Polizia di Stato riporta che” E’ confermato l’obbligo di comunicazione stabilito dall’articolo 7 del T.U. 286/98, concernente la disciplina dell’immigrazione e della condizione dello straniero (secondo la normativa per straniero si intende il cittadino extracomunitario).

Pertanto il proprietario dell’immobile deve presentarsi all’Autorità di P.S. di competenze (Questura/Commissariato o in Comune in caso di mancanza di questi Uffici ) a seconda dell’ubicazione dell’immobile e dichiarare la presenza dello straniero, presentando il contratto registrato all’Agenzia delle Entrate e i documenti di entrambi”.

Inoltre:

la registrazione del contratto di affitto dovrà essere effettuata entro 30 giorni dalla stipula del contratto presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate competente, purché il contratto superi i 30 giorni di durata..
Se vorrai procedere a una registrazione cartacea, dovrai presentare i seguenti documenti per l’affitto:

  • Due copie del contratto di locazione, con firme in originale
  • La richiesta di registrazione compilata sul Modello 69 (che potrai ritirare all’Agenzia delle Entrate, o scaricato dal sito dell’Agenzia nella sezione Modulistica)
  • La ricevuta di pagamento dell’imposta di registro
  • Le marche da bollo da 16 euro, per ogni quattro facciate

Diversamente vale invece per la registrazione telematica, che consente di pagare immediatamente anche le imposte di bollo e di registro.

A questa potrai procedere mediante un intermediario, quali associazioni di categoria, professionisti o CAF.

Se dovessi invece procedere autonomamente, dovrai ricorrere all’utilizzo dei software Siria o Iris (scaricabili entrambi dal sito dell’Agenzia delle Entrate), previa registrazione.

Leggi di più: 

 

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comInstagram per ulteriori aggiornamenti ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

KM

Attraverso questo sito, vogliamo mantenervi aggiornati sul tema dell'immigrazione, della cittadinanza italiana e dell'integrazione degli stranieri all'interno della nostra società.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker