Bonus

Superbonus 110% cosa cambia? Modifiche più semplici!

Superbonus 110% cosa cambia? I dati di fine marzo diffusi dall’Ance, l’associazione dei costruttori, registrano un aumento dell’utilizzo del superbonus 110% rispetto al mese precedente.

Questa misura è stata introdotta l’anno precedente finora non è decollata per gli iter autorizzativi lenti  per la realizzazione dell’intervento che per ottenere il beneficio fiscale.

Per questa ragione da più parti è stata invocata la semplificazione delle procedure che sono legate al riconoscimento del superbonus 110%.

Questo modifiche potrebbero arrivare con il Decreto Semplificazioni, il Governo dovrebbe predisporre al nuovo Piano di Ripresa e Resilienza (PNRR) per essere in grado di aumentare la capacità di spesa delle risorse del Recovery Fund.

Superbonus 110% cosa cambia? Semplificazioni in arrivo:

Il governo lavora a una nuova versione del superbonus per rendere tutto più semplice.

Potrebbero anche arrivare determinate modifiche che sono in grado di rendere più semplice l’iter burocratico relativo alla maxi-detrazione sulle spese.

La novità è togliere l’obbligo per i tecnici abilitati di certificare determinati dati che sono relativi allo stato legittimo dell’immobile.

Ovvero parliamo della proprietà dei vari passaggi di proprietà e la presenza di concessioni edilizie.

E’ abbastanza che i professionisti siano in grado di attestare l’assenza di abusi edilizi e il rispetto delle prescrizioni urbanistiche.

Da leggere:  Estensione Superbonus 110 fino al 2022: ecco come funziona l’incentivo

Oggi per essere in grado di accedere agli atti per l’asseverazione di conformità urbanistica-edilizia bisogna richiede in determinati Comuni fino a quattro mesi:

“Bisogna passare dagli sportelli unici per l’edilizia e i loro archivi cartacei, una complicazione che rappresenta un freno non da poco per la maxi detrazione”.

Quali vantaggi con le modifiche Superbonus 110%?

Queste modifiche potrebbero rappresentare una svolta per l’80% degli immobili che potrebbero avere diritto alla detrazione.

All’interno possiamo anche includere un milione zdi condomini, che non necessitano di essere demoliti e ricostruiti.

Però solamente interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, sono in grado di spiegare sempre i tecnici del Consiglio nazionale degli architetti.

In questa maniera il carico di lavoro che grava sugli sportelli unici per l’edilizia dovrebbe diventare minore e:

“Con ogni probabilità ciò si rifletterà positivamente anche sui tempi per le asseverazioni sulla conformità urbanistica per ecobonus e sismabonus, che continueranno a essere dovute”.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.