Cittadinanza Italiana

Ricostruzione della cittadinanza italiana per discendenza: Procedimento

Il procedimento di ricostruzione della cittadinanza italiana per discendenza viene chiamato anche il Riconoscimento della cittadinanza italiana.

Vediamo insieme com’è strutturato tale procedimento, chi può beneficiarne, a chi rivolgersi e i documenti necessari per il riconoscimento.

Ricostruzione della cittadinanza italiana per discendenza: Di che cosa si tratta?

La Ricostruzione della cittadinanza italiana per discendenza è un procedimento grazie al quale il consolato, ricostruendo le vicissitudini di cittadinanza di una famiglia, per esempio immigrata all’estero, può verificare se una persona sia in possesso o meno della cittadinanza italiana.

Con la ricostruzione si va a verificare che la trasmissione della cittadinanza non si sia mai interrotta a partire dal primo ascendente nato in Italia da genitori italiani e giunto in un paese estero fino alla persona che presenta istanza di ricostruzione.

A chi deve essere presentata la domanda?

La domanda di ricostruzione della cittadinanza italiana per discendenza deve essere presentata all’ufficio consolare italiano competente per il luogo in cui si risiede.

Da leggere:  Documenti per il rilascio nulla osta al ricongiungimento familiare

Si consiglia sempre di contattare l‘ufficio consolare prima di iniziare a raccogliere la documentazione perché la loro raccolta dipende anche dalle vicissitudini di cittadinanza della famiglia di origine.

Bisogna dimostrare che il proprio avo, fosse in possesso della cittadinanza italiana nel momento in cui ha lasciato l’Italia e che in seguito ha deciso di mantenerla e di non rinunciarvici.

Documenti per la ricostruzione della cittadinanza italiana per discendenza:

I documenti necessari per la ricostruzione sono:

  • L’atto di nascita del proprio avo. Il certificato può essere richiesto all’ufficio anagrafe del comune di residenza del proprio avo.
  • Un documento che attesti la cittadinanza italiana del proprio avo. Questo documento può essere per esempio: Il passaporto italiano, certificato di cittadinanza storico, etc).
  • Atti di stato civile di tutti le generazioni opportune per di dimostrare il legame di sangue.
  • Se non ci sono ascendenti deceduti dovrà essere presentato il loro DNI aggiornato.

La ricostruzione è fondamentale perché potrebbe accadere che si siano verificati delle interruzioni nella catena di trasmissione della cittadinanza italiana; a seguito della naturalizzazione straniera.

Può succedere inoltre che la ricostruzione non sia possibile perché il proprio ave proviene da una zona che all’epoca della sua partenza non faceva ancora parte del territorio nazionale italiano.

La documentazione è sempre valida e non ha una scadenza. Inoltre deve essere tradotta in italiano da un traduttore iscritto all’albo dei traduttori.

Da leggere:  Reddito di cittadinanza ultimi aggiornamenti | la guida completa 2019

La traduzione può essere evitata se il paese dove risiedete ha sottoscritto degli accordi che permettono di fare uso del cosiddetto apostille.

Apostille:

L’apostille  sostituisce la legalizzazione presso l’ambasciata. Questo strumento è stato introdotto dalla convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961.

In particolare questa convenzione stabilisce che se una persona ha bisogno di fare valere in Italia un certificato di nascita e vive in un paese che ha aderito a questa Convenzione non ha bisogno di recarsi presso l’ambasciata italiana e chiedere la legalizzazione.

Sarà sufficiente recarsi presso l’autorità interna di quello Stato (designata dall’atto di adesione alla Convenzione stessa) per ottenere l’annotazione della cosiddetta apostille sul certificato.

Il mio ave era una donna, posso accedere comunque alla cittadinanza italiana?

Nell’ordinamento italiano la donna può trasmettere la cittadinanza solo a partire dal 1
gennaio 1948. Si tratterà di verificare se il proprio ave donna abbia conservato la cittadinanza italiana e che i suoi figli siano nati dopo il 1 gennaio 1948.

Il consolato può aiutare a cercare i documenti che servono?

Il consolato può assistere nel verificare quale sia la documentazione che deve essere presentata nel suo caso specifico, ma non può farsi carico di trovare i documenti che servono.

Quanto dura il procedimento?

Il procedimento per il riconoscimento della cittadinanza italiana è un procedimento semplice che può però complicarsi quando, nel corso delle generazioni per esempio siano avvenuti cambiamenti di nome o altri accadimenti che rendono più difficile dimostrare il legame di sangue tra il richiedente e i suoi avi.

Da leggere:  Bonus affitto 2020: cos'è e come richiederlo!

Un altra causa che influisce sui tempi di trattazione è l’altissimo numero di domande presentate negli ultimi anni che hanno messo a dura prova la rete consolare italiana all’estero.

I nostri visitatori hanno letto anche:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comGoogle News Per rimanere aggiornato e ricevere i nostri ultimi articoli e novità ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Se ti piacciono i nostri contenuti, supporta il nostro sito disabilitando il blocco degli annunci.