Voglia di viaggiare

Tunisia : guida e consigli utili per il viaggio

La Tunisia è uno dei paesi maggiormente visitati del Nord Africa. In questo articolo abbiamo raccolto tutta una serie di informazioni per conoscere al meglio questo magnifico paese.

PER RAGGIUNGERE E PER SPOSTARSI:

  • La primavera è il periodo migliore per visitare la Tunisia
  • Aeroporti principali:  Tunisi, Djerba, Monastir
  • Le vie di comunicazione si concentrano soprattutto al nord
  • Molto importante è il traffico marittimo sia per il commercio, sia per il turismo.

TERRITORIO E CLIMA

A NORD: sono presenti la continuazione dei rilievi dell’atlante algerino.

A SUD: è presente la regione desertica del sahara

Le coste

  • A nord sono frastagliate e orlate di lagune
  • A est sono basse e sabbiose.

Fiume (più importante): Medjerda

Lago (più importante) : chott el-djerid

Vegetazione e Clima : Mediterranea/o sulle coste e desertica/o nel resto del paese

Isole: Djerba e Kerkennah

POPOLAZIONE:

La popolazione è maggiormente concentrata a nord e prevalentemente sulle coste mentre le zone interne sono spopolate. A tunisi è concentrato il tasso del 10% della popolazione , altri centri importanti sono Sfax, Susa e Biserta. Inoltre come in tutti gli altri paesi del maghreb sono presenti popolazioni  berberi.

ECONOMIA:

La moneta è il dinaro tunisino. InoltreLa Tunisia ha un basso reddito pro capite, tanto che la disoccupazione giovanile è molto elevata.  Questo alimenta i flussi migratori soprattutto verso la francia e l’italia.

Settore primario:

  • esportazione di prodotti come olio, datteri e cotone
  • petrolio.

Settore secondario

  • trasformazione di materie prime in prodotti finiti da esportare

Settore terziario:

  • turismo

ATTRATTIVE NATURALI:

Djerba: Spiagge di sabbia bianca con tratti di roccia e un clima che permette soggiorni durante tutto l’anno.

Capo Bon : Spiagge ampie e sabbiose, grotte, villaggi di pescatori, e notevoli centri archeologici.

Hammamet: Località turistica e balneare.

Monastir: Spiagge e monumenti

Parco nazionale di Ichkeul: Flora e fauna: protegge un ambiente umido costituito da un grande lgo alimentato dalle piogge in autunno e dal mare in estate.

Sidi bou said: Villaggio turistico di lusso

ATTRATTIVE CULTURALI

TUNISI: Capitale

  • splendide moschee tra cui la moschea di zitouna.
  • palazzi sontuosi come il bardo dove si trova il museo archeologico più importante del maghreb.
  • Medina (anteceduta dalla porta del bahr detta anche porta di francia) con vialetti stretti, il suk, grande moschea la cui sala centrale venne edificata impiegando 200 colonne
  • ville nouvelle

EL-DJEM: 

  • A metà strada tra Susa e Sfax
  • È una delle città romane  più importanti del Nord Africa dopo Cartagine e ed era chiamata Thysdrus
  • È conosciuta in tutto il mondo per il suo anfiteatro romano di dimensioni appena inferiori al colosseo di roma.
  • altri monumenti importanti sono il museo archeologico di el djem,
  • Ogni anno si tiene qui il festival internazionale di musica sinfonica

CARTAGINE:

  • Anfiteatro romano ed enormi cisterne per l’acqua
  • terme di antonino: complesso termale più grande al di fuori di roma, comprende anche un cimitero punico e diversi edifici . È  illegale fare fotografia.
  • il santuario di tofet: un cimitero dove i figli dei nobili cartaginesi venivano sacrificati per placare l’ira degli dei
  • collina di byrsa con cattedrale di san luigi costruita dai francesi nel 1890.
  • Quartiere Magon

DOUGGA: 

  • Il termine dougga ha origini berbere ed è Situata a 550 m dal mare nell’area dell’antica numidia.
  • Ha subito il dominio delle popolazioni numide e inseguito romano
  • è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità
  • Tra i monumenti più belli abbiamo: il tempio di saturno, la piazza dei venti, le terme di licinio, l’anfiteatro, l’arco di alessandro e le mura numidiche   
  • il mercato
  • museo archeologico con una collezione di ceramiche

Inoltre…

KAIROUAN: 

  • è la terza città sacra dell’Islam per la sua grande e antica moschea di epoca aghlabide. Dal 1988 fa parte del Patrimonio dell’Umanità UNESCO.
  • Moschea del Barbiere, costruita nel XVII nel luogo dove, si dice, sia stato tumulato uno dei più stretti amici del Profeta e che aveva sepolto con sé una ciocca della sua barba
  • Pozzo Barouta, una sorgente di acqua dolce antica vicino al quale è presente un caratteristico souk
  • lungo le strade si possono ammirare le caratteristiche cupole dette zaouïas
  • Poco fuori dalla città Museo d’arte islamica di Raqqada, e serbatoi d’acqua aghlabidi

SBEITLA: resti archeologici.

GAFSA:  lago formato per una possibile rottura di una falda sotterranea

TOZEUR : 

  • sorge in un’oasi sul bordo settentrionale dello Chott el-Djerid
  • antico centro storico con gli edifici fatti di mattoni

TABARKA :

  • è vista come una sorta di villaggio di pescatori.
  • Rocca delle cernie
  • nelle vicinanze vi è un  villaggio di Ain Draham con i caratteristici tetti rossi
  • gli artigiani del luogo realizzano splendidi gioielli con il corallo
  • Forte contrasto tra mare e montagna.

TIPOLOGIE DI TURISMO:

Turismo di massa balneario: il turismo balneare è uno dei pilastri dell’economia tunisina  E molto concentrato sulle coste settentrionali, orientale e i principali paesi di provenienza sono la francia e l’italia. Si tratta più che altro di viaggi all inclusive in villaggi con servizi di bassa qualità.

Turismo naturale: La Tunisia è considerata la porta di ingresso al deserto del Sahara con i suoi stupendi paesaggi e l’occasione per conoscere le usanze della cultura maghrebina. questa tipologia di turismo  Comprende escursioni nel deserto a dorso del dromedario.

Turismo culturale: Si sviluppa nella maggioranza delle città del paese. Ciò che maggiormente attira i turisti è l’affascinante cultura magrebina,  i deliziosi piatti tipici e il folklore

ASPETTI CULTURALI: STORIA

Ieri: 

  • Paleolitico: tribù berbere
  • Dominazioni:
  1. Fenicia
  2. romana
  3. araba
  • Colonialismo: franncia
  • Indipendenza: nel 1956

Oggi: 

  • La tunisia è una repubblica presidenziale . La costituzione ha confermato la laicità dello stato
  • Il 17 dicembre 2010, un giovane ambulante si diede fuoco davanti al palazzo del Governatorato di Sidi Bouzid a seguito della revocazione  della licenza. Questo episodio segna l’inizio della primavera Araba 
  • Dal 2010 al 2014 periodo di instabilità politica fino all’entrata in vigore della nuova costituzione

ASPETTI CULTURALI: CIBO

  • La cucina tunisina è l’insieme di diverse  culture , si basa fortemente:
  1. su olio di oliva,
  2. spezie e pomodoro
  3. prodotti della pesca (vasto assortimento di pesce)
  4. prodotti dell’allevamento (ovini etc…)
  • La HARISSA è una salsa piccante utilizzata per condire la maggior parte dei piatti.
  • il pane è uno degli alimenti più importanti
  • il couscous rimane (granelli d semola con una combinazione di ortaggi e carne) il piatto tipico.
  • i piatti con le verdure come chakchouka,la Slata Mesciua
  • l brick, composto dalla malsouka una pasta tirata come una sfoglia molto sottile, che viene riempita con erbe o uova.
  • I dolci tunisini, sono a base di miele e frutta secca come per esempio la semsa , Baklawa,

ASPETTI CULTURALI: FOLKLORE E TRADIZIONI

  1. La lingua principale è l’arabo ma si parla anche il francese, l’inglese e i dialetti berberi.
  2. la religione più diffusa è quella islamica ma ci sono anche comunità cristiane ed ebraiche
  3. La maggior parte delle feste in Tunisia sono di carattere religioso e sono molto sentite.
  4. La shasha è un copricapo  considerare il copricapo nazionale della Tunisia.
  5. I principali stili di musica tunisina classica comprendono il :
  • nouba’ (il più antico, di origine andalusa),
  • il ‘chghoul’ e
  • il ‘bachraf’ (di origine turca)
  1. . tutt’oggi le donne berbere vestono con i tradizionali abiti blu scuri, finemente decorati

leggi di più:

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comInstagram per ulteriori aggiornamenti ♥

Tags

KM

Attraverso questo sito, vogliamo mantenervi aggiornati sul tema dell'immigrazione, della cittadinanza italiana e dell'integrazione degli stranieri all'interno della nostra società.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker