VARI ARGOMENTI

Rimpatrio Salma: Come avviene per gli stranieri residenti in italia?

Rimpatrio Salma – Perdere una persona cara è sempre motivo di grande dolore, ma se questo dovesse succedere all’estero, al dolore si aggiunge la necessità di risolvere alcuni problemi pratici.

Rimpatrio Salma – Informazioni pratiche:

Di seguito si riportano delle indicazioni sulla soluzione di tali problemi.

Contattare il consolato o ambasciata del proprio paese d’origine:

Il congiunto o familiare che richiede il rimpatrio della salma dovrà contattare il Consolato o l’Ambasciata più vicini al luogo del decesso, che darà tutte le indicazioni su quali documenti sanitari devono essere prodotti per l’emissione del “passaporto mortuario”, documento necessario per l’introduzione di spoglie mortali provenienti dall’estero nel territorio nazionale.

Di solito le agenzie funebri che hanno esperienza di trasporto all’estero sanno cosa devono fare, ma è bene che l’interessato al rimpatrio della salma sappia cosa deve ottenere da loro, per non andare poi incontro a sgradevoli contrattempi dell’ultimo minuto.

Rimpatrio Salma: Richiesta per il trasporto della salma:

Il congiunto, identificato con documento d’identità valido, dovrà quindi formalmente presentare una richiesta scritta alla Rappresentanza, nella quale indicherà:

  • il vettore di trasporto;
  • il giorno dell’arrivo del feretro in Italia;
  • la frontiera d’ingresso (aeroporto di arrivo in Italia);
  • il Comune ed il nome del cimitero di destinazione;
  • nonché il nome della persona delegata, quando non è il familiare stesso, ad accompagnare il feretro nel rimpatrio.

Poi cosa succede?

A questo punto, la Rappresentanza inoltrerà al Comune indicato una richiesta di autorizzazione all’introduzione della salma nel territorio nazionale.

Successivamente alla consegna dei documenti sanitari di cui sopra, e all’esito di tale richiesta, verrà rilasciato il passaporto mortuario.

Rimpatrio della salma: Documenti da allegare alla domanda di rimpatrio:

Qui di seguito si riporta la lista dei documenti da allegare alla domanda di rimpatrio della salma da presentare all’Ambasciata d’Italia in Brasilia (o comunque da consegnare almeno due giorni prima della partenza):

  • 2 certificati di morte originali, debitamente legalizzati presso il Ministero degli Esteri e tradotti da un traduttore ufficiale o giurato (vedi lista nelle FAQ);
  • 1 certificato medico attestante l’avvenuto processo di conservazione tecnica (imbalsamazione) debitamente legalizzato e tradotto (come sopra);
  • 1 attestato rilasciato dalla Segreteria di Stato della Salute dello Stato dove è avvenuto il decesso, che attesti che nel mese e anno del decesso non si sono riscontrate in tale Stato malattie epidemico-contagiose di cui alla lista di notificazione internazionale obbligatoria, debitamente legalizzato e tradotto (come sopra).

(Solo per il rimpatrio delle ossa):

  • 1 Verbale di esumazione delle ossa, rilasciato dal cimitero locale, debitamente legalizzato e tradotto (come sopra).

(Solo per il rimpatrio delle ceneri):

  • 1 Certificato di cremazione originale, debitamente legalizzato e tradotto (come sopra);
  • 1 verbale dei sigilli che le Autorità di Polizia hanno apposto sull’urna: un originale (senza traduzione).

Al fine di consentire alla rappresentanza di ricevere per tempo la necessaria autorizzazione del Comune all’introduzione sul territorio nazionale della salma/ossa/ceneri, si prega di far pervenire l’apposita richiesta, contenente almeno i dati necessari (dati del defunto, la “causa mortis”, il nome del Comune e del cimitero di tumulazione, la prenotazione del volo, con indicazione del valico di frontiera ed il nome dell’accompagnatore), con almeno un anticipo di una settimana lavorativa. L’agenzia funebre locale scelta dai familiari potrà quindi procedere alle formalità locali e alla produzione dei documenti per il passaporto mortuario.

Si fa presente che tutte le spese in loco sono a carico dei familiari stessi; in alcuni casi é possibile rivolgersi alle Regioni o ad altri enti locali per eventuali rimborsi o contributi

Leggi di più: 

Fonte
ambbrasilia.esteri.it
Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comInstagram per ulteriori aggiornamenti ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

KM

Attraverso questo sito, vogliamo mantenervi aggiornati sul tema dell'immigrazione, della cittadinanza italiana e dell'integrazione degli stranieri all'interno della nostra società.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker