Documenti e moduliLavorare in Italia

Disoccupazione sospesa come riprenderla? guida semplice 2019/20

Come sospendere e rinnovare la disoccupazione Napsi dopo un contratto per lavoro?

In questo articolo vedremo come e quando è possibile  riprendere la disoccupazione Naspi dopo un periodo di sospensione e nuovi rapporti di lavoro subordinato.

Ripresa Naspi dopo la sospensione:

La sospensione dell’indennità è riferita ad un periodo di solo sei mesi, ecco cosa stabilisce la normativa sulla sospensione e cosa fare in caso di un nuovo licenziamento.

La circolare Inps n. 94 del 12 maggio 2015, chiarisce che quando il lavoratore in NASPI trova un lavoro con contratto non superiore a 6 mesi: “l’indennità NASPI è sospesa per la durata del rapporto di lavoro.

Leggi ancheCosa è la Co Unilav? Scopriamolo insieme!

La sospensione opera d’ufficio, sulla base delle comunicazioni obbligatorie. Per l’individuazione del periodo di sospensione si considera la durata di calendario del rapporto di lavoro, prescindendo da ogni riferimento alle giornate effettivamente lavorate.

Al termine di un periodo di sospensione di durata inferiore o pari a sei mesi l’indennità riprende ad essere corrisposta per il periodo residuo spettante al momento in cui l’indennità stessa era stata sospesa“.

Il lavoratore non deve fornire alcuna comunicazione in quanto la sospensione è operata dall’ufficio sulla base delle comunicazioni obbligatorie.

Che cosa fare se la Naspi non si riattiva?

Se terminato il periodo di sospensione, la Naspi non riprende a decorrere in automatico, è bene controllare dai servizi telematici dell’Inps (My Inps) lo stato dei pagamenti; è possibile anche contattare il call center dell’Inps, o farsi aiutare da un patronato.

In alcuni casi, per comunicare le informazioni che eventualmente l’Inps potrebbe richiedere in merito alla propria condizione lavorativa, può essere necessario l’invio di una comunicazione tramite il modulo.

Quanto dura la Naspi?

La durata della Naspi equivale alla metà dei periodi contribuiti negli ultimi quattro anni, sino a un massimo di 24 mesi.
I periodi contribuiti non devono però aver già creato un’altra prestazione di disoccupazione.
Alcuni periodi, invece, sono neutri, e vanno saltati nel conteggio delle settimane utili negli ultimi 4 anni.

Come si sospende la Naspi?

Nei casi in cui, il datore di lavoro non sia obbligato all’invio anticipato del modello Co Unilav (agenzie di somministrazione, datori di lavoro stranieri, agricoli…), il lavoratore deve informare l’Inps del nuovo rapporto lavorativo a termine determinato, con durata entro i 6 mesi, attraverso il modulo Naspi-Com.

Nuovi rapporti del lavoro subordinato:

Facendo riferimento a quest’articolo si può definire il rapporto di lavoro subordinato come un rapporto stipulato attraverso il quale il prestatore di lavoro si obbliga, dietro un corrispettivo (denominato retribuzione) a collaborare nell’impresa sotto la direzione del datore di lavoro.

Gli elementi distintivi del rapporto di lavoro subordinato, secondo l’articolo 2094 del codice civile sono: l’onerosità, la collaborazione nell’attività lavorativa.

Contatti INPS:

Il Contact Center al numero 803164 oppure da rete mobile 06 164 164

Inviando mail al servizio Inps Risponde, o presso le sedi Inps di competenza.

Leggi anche:

Tags

Seguici su Facebook– Stranieriditalia.comInstagram per ulteriori aggiornamenti ♥

stranieriditalia.com autorizza a copiare contenuto dei nostri articoli in tutto o in parte, a condizione che la fonte sia chiaramente indicata con un link direttamente all'articolo originale. In caso di mancato rispetto di questa condizione, qualsiasi copia dei nostri contenuti sarà considerata una violazione dei diritti di proprietà

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker